Costruire un palazzo residenziale? Costa sempre di più

La manodopera fa salire i costi delle costruzioni di fabbricati e tratti stradali, ma vanno fatte le dovute distinzioni

Per comprendere come l’Istat riesca a fornirci un quadro altamente dettagliato della nostra economia, occorre porre l’attenzione su tutto ciò che finisce sotto la lente di osservazione dell’istituto. Che non si limita ad analizzare gli indicatori più importanti (Pil, export, import ecc…), ma passa in rassegna anche dati di secondaria portata come quelli che riguardano i costi di costruzione di case e strade.


costi

image by Lisa S.

L’ultima rilevazione, relativa al mese di luglio, ha certificato un aumento dei costi necessari a realizzare un fabbricato residenziale, con un +0,8% rispetto al mese precedente e un +0,7% rispetto a luglio 2014. E per costruire un tratto stradale? A luglio è stato rilevato un rincaro dello 0,2% (su base mensile) per un tronco stradale in galleria e dello 0,1% per un tronco senza galleria. Mentre rispetto all’anno precedente, i costi sono risultati in flessione rispettivamente dello 0,7% e dello 0,6%. Più nel dettaglio: mettere su un palazzo residenziale è costato di più a luglio (rispetto a  giugno) perché è aumentato il costo della manodopera (+0,9%), mentre quello dei materiali è sceso dello 0,2% e quello dei trasporti è rimasto invariato. Anche la manodopera impiegata per realizzare un tronco stradale (sia in galleria che senza galleria) è risultata più onerosa ed è costata lo 0,5% in più rispetto a giugno, mentre i materiali sono costati lo 0,8% in meno nel tronco in galleria e l’1% in meno in quello senza galleria. E i trasporti? Anche qui si sono registrati piccolissimi “risparmi”, con un -0,1% per la realizzazione di un tratto di strada in galleria e un -0,2% per quella di un tratto di strada senza galleria.




CATEGORIES
Share This

COMMENTS