Cosa fare dopo il colloquio: consigli utili per farsi notare (senza diventare irritanti)

Contattare sì ma quando? E qual è il modo migliore? Ma soprattutto cosa è meglio evitare? Ecco cosa fare dopo il colloquio di lavoro.

Il grande giorno è arrivato, il colloquio sembra essere andato bene, la soddisfazione è tanta e il selezionatore esclama: “Perfetto, le faremo sapere!”. Splendido. Ma trascorse un paio di settimane ecco che l’ansia cresce a dismisura. Dunque cosa fare dopo il colloquio? Quali sono le giuste mosse per ricontattare il selezionatore senza apparire irritanti né tantomeno disperati? Ecco alcuni consigli utili per farsi notare.


cosa-fare-dopo-il-colloquio

Ecco le dritte per sapere cosa fare dopo il colloquio

Il rischio maggiore è quello di “giocarsi” il colloquio effettivamente andato bene con un passo falso o un atteggiamento poco consono al ruolo che si potrebbe ricoprire. Quindi prima ancora di mettere in pratica le dritte su cosa fare dopo il colloquio, è bene fissare nella mente cosa bisogna evitare: a) presentarsi di persona senza invito né preavviso all’ufficio del personale per parlare con il responsabile; b) inviare e-mail a raffica (nel dubbio che non l’abbia ricevuta meglio mettere la notifica di lettura) o tempestare di telefonate la segretaria; c) “pedinare” il recruiter e avvicinarlo in luoghi pubblici come il ristorante, un negozio o il bar sotto l’ufficio.

Per ognuna di queste cose da evitare c’è ovviamente il “giusto” rovescio della medaglia. La prima dritta su cosa fare dopo il colloquio (e da non dimenticare) comincia proprio da quel famoso: “Le faremo sapere”. Quando? Ovviamente non in maniera così diretta: il tono della contro-domanda dovrà essere discreto e poco invadente ma non c’è nulla di sbagliato nel cercare di capire quanto durerà il processo di selezione e in quale periodo la direzione comunicherà la decisione di assunzione. Se ad esempio il selezionatore prevede almeno una decina di giorni per avere l’esito, ecco che allo scadere della seconda settimana è più che lecito contattare l’azienda per avere un aggiornamento sulla situazione.

Il secondo consiglio su cosa fare dopo il colloquio di lavoro è quello d’inviare una e-mail di ringraziamento già al termine del colloquio stesso, senza aspettare l’indomani. L’importante è non apparire ossequiosi ma mostrare un tono di sincero interesse e apprezzamento. Ovviamente a questo proposito sarà utile procurarsi per tempo l’indirizzo e-mail dell’ufficio del personale o il biglietto da visita del recruiter. Il messaggio via e-mail è di sicuro il mezzo più discreto ed efficace per dar seguito ad un colloquio di lavoro. La telefonata è sempre un po’ rischiosa, prevede di prestare attenzione agli orari e ai momenti della giornata in cui si chiama, può risultare irritante nel mezzo di una riunione o creare imbarazzo sul da farsi se al secondo o terzo tentativo risponde sempre la segreteria telefonica.

Se assalire e assillare il selezionatore nel caso (più o meno fortuito) lo si incontri al di fuori dell’ufficio è una pessima idea, al contrario una mossa vincente è quella di mantenere ben visibile la propria presenza sui social network. Soprattutto su quelli professionali come Linkedin. È sempre bene motivare la richiesta di contatto con un motivo reale e politicamente corretto quale può essere la condivisione di informazioni (magari su interessi comuni emersi durante il colloquio) oppure l’invio di un articolo o un comunicato stampa riguardante un evento attinente al campo in cui opera l’azienda. In nessun caso la richiesta di contatto dovrà servire per scopi personali o per avere novità riguardo all’esito del processo di selezione.

Un’ultima dritta: molte aziende prevedono la chiamata per un secondo colloquio. Allora cosa fare dopo il colloquio? È molto utile (a dir il vero in ogni caso) annotare subito le proprie impressioni, le domande del selezionatore, le risposte e le informazioni che sono emerse e quelle che invece non si è avuto modo di comunicare. È una prassi molto utile non solo per ricordarsi degli argomenti di conversazione ma anche per riprendere i punti salienti in una lettera di ringraziamento o di successivo contatto.

Inoltre ti consiglio:

#1 – Se cerchi un nuovo lavoro, ecco per te il Kit Lavorare Sempre, garantito da Bianco Lavoro per qualità ed efficacia!

#2 – Per avere sempre offerte di lavoro reali e verificate nella tua casella email in linea con le tue esigenze, registrati sulla nostra job board Euspert Bianco Lavoro selezionando la tua zona e categoria di interesse (il servizio è completamente gratuito)




CATEGORIES
TAGS
Share This

COMMENTS