Corso di inglese, come scegliere quello giusto

Come scegliere il corso d'inglese giusto, ovvero quello più adatto alle proprie esigenze.

corso-di-inglese-

L’inglese è la lingua ufficiale dei nostri giorni, indispensabile per lavorare ma anche per studiare. Ecco come scegliere il corso di inglese giusto per imparare la lingua più parlata a livello globale. Basta navigare in Internet per rendersi conto che la metà dei siti presenti sono in inglese o comunque hanno a disposizione traduzioni in inglese delle proprie pagine. Ma non solo: la conoscenza di questa lingua diventa fondamentale anche per approfondire lo studio, leggere riviste e reperire preziose informazioni attingendo da numerose altre fonti. Ma come scegliere il corso più adatto alle proprie esigenze? Ecco qualche consiglio.


Come scegliere un corso di inglese

Come orientarsi nella scelta di un corso di inglese? Quello che conta in prima analisi è valutare l’opportunità di frequentare una scuola o andare alla ricerca delle risorse giuste per una formazione da autodidatta. Ecco i parametri da tenere in considerazione.

  1. Obiettivi personali: definire i propri obiettivi è importante per poter effettuare scelte consapevoli finalizzate al raggiungimento di determinati risultati. Per questo prima di partire nella ricerca di un corso di inglese sarà bene definire se il corso di cui si necessita è un’introduzione di base alla lingua (come ad esempio nel caso di uno studente) o se deve essere di un livello più avanzato, in vista ad esempio di un trasferimento all’estero o di una determinata esigenza professionale da soddisfare.
  2. Standard di una buona scuola: una buona scuola d’inglese innanzitutto è riconosciuta. L’accreditamento è importante perché significa che ci sono enti “superiori” che effettuano controlli e verificano il rispetto e l’adeguamento degli standard. La scuola deve garantire un’accurata formazione per quanto concerne le quattro abilità linguistiche fondamentali (lettura, scrittura, ascolto, conversazione) ed inoltre è importante che abbia corsi strutturati su più livelli, in modo da poter passare a quello successivo non appena raggiunti i primi risultati. Una buona scuola inoltre organizza viaggi (anche all’estero) ed eventi per favorire la pratica e l’apprendimento della lingua.
  3. In loco o all’estero: la scelta di una scuola per poter seguire un corso di inglese dipende molto anche dalla disponibilità di poter viaggiare e trasferirsi all’estero per un periodo magari temporaneo. In questo caso sarà opportuno valutare la disponibilità di alloggio, il numero di alunni presenti in ogni classe e ovviamente i costi da sostenere. Nel caso in cui invece si opti per un british institute o una scuola d’inglese della propria città sarà bene conoscere gli insegnanti e assicurarsi che siano madrelingua abilitati o comunque certificati (essere solo madrelingua non significa in automatico essere un buon insegnante).
  4. Risorse online: se si punta ad un trasferimento all’estero o all’apprendimento di un “business english” per soddisfare esigenze professionali, il consiglio è quello di frequentare una vera e propria scuola, vista anche la flessibilità di alcuni corsi che propongono lezioni serali o nei week-end. Se invece si ha necessità di acquisire gli elementi di base e cominciare un corso introduttivo, ci si può orientare anche verso uno dei tanti corsi online gratuiti, comunque utili per questo scopo; senza dimenticare però che la lingua è comunicazione: impararla da soli non è semplice.
  5. Prezzi: nel caso di un corso d’inglese bisogna mettere in conto che l’apprendimento della lingua richiede tempo e anche una certa spesa in termini di investimento nel lungo termine. Quindi il consiglio è quello di diffidare di proposte a prezzi imbattibili che assicurano l’apprendimento della lingua in tempi rapidi: questo non è possibile, imparare una lingua nuova richiede tempo e molto impegno. Ma per lo stesso principio anche costi altissimi non sono automaticamente sinonimo di garanzia. Il modo migliore per scegliere in questi casi è quello di comparare l’offerta di più scuole (compresa la valutazione della struttura, delle aule e della sede scolastica, delle attrezzature e del materiale) e valutare il miglior rapporto qualità/prezzo.

 



CATEGORIES
Share This

COMMENTS