Contributi volontari 2014 per lavoratori dipendenti, autonomi e iscritti alla Gestione separata

Qualche giorno fa l’Inps ha pubblicato la circolare 51/2014 con la quale fornisce utili indicazioni per i contributi volontari per l’anno 2014 in favore di lavoratori dipendenti non agricoli, lavoratori autonomi ed iscritti alla Gestione separata. Cerchiamo allora di delineare i principali tratti del nuovo materiale dispositivo da parte dell’Istituto nazionale per la previdenza sociale, e quali sono gli impatti sull’esercizio in corso per le classi di lavoratori indicate.


Lavoratori dipendenti non agricoli. Per i lavoratori dipendenti non agricoli l’Inps ha stabilito che – sulla base delle variazioni comunicate dall’Istat – la retribuzione minima settimanale è di 200,35 euro, e che la prima fascia di retribuzione annuale oltre la quale è prevista l’applicazione dell’aliquota aggiuntiva dell’1% è di 46.031,00 euro. Il massimale da applicare ai prosecutori volontari titolari di contribuzione non anteriore al 1 gennaio 1996 o che, avendone il requisito, esercitino l’opzione per il sistema contributivo, è di 100.123 euro. Nessuna variazione è invece intercorsa nell’aliquota IVS dovuta al Fondo pensioni lavoratori dipendenti rispetto al 2013, confermata al 32,37%. L’aliquota IVS relativa ai lavoratori dipendenti non agricoli, autorizzati alla prosecuzione volontaria con decorrenza entro il 31.12.1995 è del 27,87%.

Iscritti alla gestione separata FPD e al Fondo Volo e Fondo Dipendenti Ferrovie. Gli  iscritti all’evidenza contabile separata del FPLD (Autoferrotranvieri, Elettrici, Telefonici e dirigenti ex INPDAI) e al Fondo dipendenti Ferrovie dello Stato S.p.A. continuano a versare la stessa aliquota vigente per la contribuzione obbligatoria, pari al 33,00%. Per i prosecutori volontari nel Fondo Volo rimangono invariate le aliquote contributive e, pertanto, il 40,82% per i soggetti iscritti al Fondo con più di 18 anni di anzianità contributiva alla data del 31/12/1995, o anche con meno di 18 anni di anzianità contributiva se non hanno aderito ai fondi complementari, il 37,70% per i soggetti iscritti al Fondo, con meno di 18 anni di anzianità contributiva al 31/12/1995, che hanno aderito ai Fondi complementari, e il 38,00% per i soggetti iscritti al Fondo Volo dopo il 31/12/1995 e che risultino privi di anzianità contributiva in qualsivoglia gestione.

Iscritti al Fondo ex-IPOST. Per l’anno 2014 non si è verificata alcuna variazione dell’aliquota IVS dovuta dagli iscritti al Fondo speciale Istituto Postelegrafonici (ex-IPOST) rispetto all’anno 2013, che si conferma quindi pari al 32,65%.

Artigiani e commercianti. Il contributo risulta essere dovuto dai soggetti che sono stati autorizzati alla prosecuzione volontaria nelle gestioni degli Artigiani e degli Esercenti attività commerciali, ed è determinato applicando le aliquote stabilite per il versamento dei contributi obbligatori al reddito medio di ciascuna delle otto classi di reddito previste dalla citata norma. La classe di reddito da attribuire a ciascun lavoratore è quella il cui reddito medio è pari o immediatamente inferiore al valore medio mensile dei redditi prodotti negli ultimi 36 mesi di attività.

Per scoprire le entità del contributo mensile vi invitiamo a consultare la circolare INPS, qui disponibile in formato integrale.



CATEGORIES
TAGS
Share This

COMMENTS