Contributi Inps, confermata la riduzione per il settore dell’edilizia

Confermata la possibilità di ottenere benefici sui contributi Inps per le imprese operanti nell'edilizia.

Attraverso il decreto del 5 dicembre scorso, il Ministero del lavoro ha confermato per il 2014 la riduzione contributiva prevista dall’art. 29 del d.l. 244/1995 e successive modifiche e integrazioni, relativamente agli operai a tempo pieno del settore edile. La riduzione dei contributi Inps per l’edizlizia è prevista nella misura dell’11,50%: al fine di disciplinare correttamente la fruizione di tale benefit, l’Inps ha diramato qualche giorno fa la circolare n. 75/2015.


image by  xamnesiacx

image by xamnesiacx

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vediamo in cosa consiste il benefit.

Contributi Inps edilizia, in cosa consiste il beneficio

Il beneficio consiste in una riduzione sui contributi dovuti, nella già ricordata misura dell’11,50%, per le assicurazioni sociali diverse da quella pensionistica, e viene applicata esclusivamente per gli operai occupati 40 ore a settimana (non spetta, in altri termini, agli occupati a tempo parziale).

Stando a quanto ricordato nella circolare, hanno diritto all’agevolazione contributiva i datori di lavori classificati nel settore industria con i codici statistici contributivi 11301, 11302, 11303, 11304 e 11305 e nel settore dell’artigianato con i codici statistici contributivi 41301, 41302, 41303, 41304 e 41305, nonché caratterizzati dai codici Ateco 2007 da 412000 a 439909. Viene inoltre osservato come l’agevolazione competa per i periodi di paga da gennaio a dicembre 2015, e sia subordinata al rispetto delle relative norme di legge.

Contributi edilizia, come richiedere il beneficio

La richiesta del beneficio è effettuabile attraverso invio dell’istanza in via esclusivamente telematica, avvalendosi del modulo “Rid-Edil”, disponibile all’interno del cassetto previdenziale aziendale del sito internet dell’Inps, nella sezione delle comunicazioni online, con la funzionalità di invio nuova comunicazione.

Le domande che verranno così presentate saranno sottoposte a un controllo automatizzato da parte dei sistemi informativi centrali dell’Istituto, e definite entro il giorno successivo. Nell’ipotesi di esito positivo, sarà aggiornata la posizione contributiva del datore di lavoro, al fine di consentire il godimento del beneficio (verrà attribuito il codice autorizzazione 7N).

Le aziende che verranno autorizzate potranno esporre lo sgravio ottenuto nel flusso UniEmens.



CATEGORIES
Share This

COMMENTS