Congedo di maternità: in Nestlè 3 mesi e mezzo a stipendio pieno

La Nestlè vara un nuovo programma per i dipendenti che affrontano la maternità: ecco cosa prevede.

Buone notizie per le neomamme e i neopapà che lavorano alla Nestlè, una delle più importanti multinazionali operanti nel settore alimentare. La società ha infatti comunicato di avere appena varato il il Maternity Protection Policy che, al suo interno, contiene anche la previsione di ben 14 settimane di congedo di maternità a stipendio pieno per mamme e papà naturali o adottivi impiegati nei suoi uffici di tutto il mondo, indipendentemente dalle legislazioni nazionali.


congedo-di-maternità

image by Nina Buday

Ma come funziona?

Il top management della società ha già anticipato che entro il 2018 il programma verrà implementato a pieno regime in ogni parte del mondo, e che verrà integrato insieme ad una serie di aggiuntive opzioni come il diritto di prolungare l’astensione dal lavoro per ulteriori sei mesi, l’orario flessibile, gli asili nido aziendali, l’accoglienza dei figli dei dipendenti durante le vacanze e l’opzione telelavoro. Insomma, una vera e propria accelerazione verso una migliore conciliazione tra il tempo libero e quello lavorativo, che probabilmente in Nestlè pensano poter essere la migliore leva per migliorare anche le relazioni industriali e l’immagine della multinazionale stessa.

Il passo in avanti di cui sopra, ad ogni modo, è ben concreto. Perché se è vero che l’Italia offre 5 mesi di congedo all’80% della retribuzione, è anche vero che proprio il BelPaese è tra le nazioni migliori in cui diventare genitori se si è lavoratori dipendenti in termini di congedo, rispetto a quanto non avvenga in altre parti del mondo, e che il programma Nestlè è pertanto fortemente migliorativo rispetto alla media delle singole legislazioni nazionali.

Certo, c’è anche chi fa di meglio. È il caso della Svezia, dove i genitori possono domandare fino a 480 giorni all’80% dello stipendio, ripartendosi il permesso equamente…




CATEGORIES
Share This

COMMENTS