Compravendita azioni: come funziona

Ecco la guida sulla compravendita dei titoli azionari: come funziona il mercato telematico azionario, cosa sono le azioni e dove rivolgersi per acquistarle e venderle

Vuoi diventare azionista? Come funziona il mercato azionario e quali sono i rischi derivanti dall’acquisizione dello status di azionista o shareholder di una società quotata? Investire e compravendere titoli azionari non è una strategia di investimento valida per ogni risparmiatore, ma richiede una buona propensione ad accettare un elevato rischio e subire le fluttuazioni repentine e “schizofreniche” dei titoli azionari. Ecco la guida completa che spiega come funziona la compravendita di azioni.


Mercato azionario: dove si compravendono i titoli azionari?

Il tuo sogno nel “cassetto” è quello di investire il capitale risparmiato e diventare un abile azionista? Se la risposta al quesito è positiva, non devi fare altro che seguirmi in questa utile guida e capire come funziona il mercato azionario. È il primo passo basilare per iniziare a investire in modo adeguato in Borsa ed acquisire il titolo di shareholder di Listed Companies. Che confusione quando si sente parlare di titoli azionari al rialzo o al ribasso! Niente paura, ecco la guida giusta che raccoglie tutti termini e le definizioni utili alla base di un’operazione di compravendita titoli. È necessario partire dall’abc.

Se sei convinto di voler diventare un’abile azionista e “lanciarti” nella “pericolosa” ed “insidiosa” compravendita di titoli azionari, devi avere un’ottima conoscenza del funzionamento del mercato borsistico. La Borsa è il luogo fisico, o meglio, virtuale in cui avviene la maggior parte delle contrattazioni e negoziazioni aventi ad oggetto le azioni o i titoli di credito o le quote di capitale societario.

In Italia, il mercato azionario di riferimento è l’MTA, acronimo di Mercato telematico azionario, ma non coincide esattamente con la Borsa di Piazza Affari, venendo a rappresentare solo uno dei segmenti più importante. Se vuoi diventare azionista devi per forza rivolgerti a Piazza Affari, ma qui si negoziano anche altri strumenti finanziari come i covered warrant, obbligazioni, Certificates, ETF, ETN, ETC, Futures, contratti di opzione etc. etc. Di questo te ne parlerò più avanti in altre guide dedicate. Quindi, deve esserti chiaro fin da subito che se vuoi compravendere titoli azionari devi necessariamente rivolgerti all’MTA, il quale rappresenta solo il segmento di Piazza Affari in cui si negoziano titoli di credito rappresentativi di quote societarie.

Oltre all’MTA, Piazza Affari si ripartisce nell’MTO, Sedex, ETF Plus, IDEM, etc. Focalizziamo l’attenzione sul mercato telematico azionario: questa “piazza” virtuale si suddivide in mercato primario, dove sono negoziati i titoli azionari di nuova emissione e in quello secondario, dove sono negoziati i titoli già in circolazione. Inoltre, l’MTA si divide in diverse sezioni per soglia di capitalizzazione, la quale misura la dimensione di una società. La capitalizzazione di Borsa è data dal prodotto tra il numero di azioni in circolazione di una società Y (ammessa sul Listino azionario) moltiplicato per il prezzo di mercato (market price). L’MTA si suddivide in diverse sezioni ascrivibili alle seguenti:

  • MTA International dove sono negoziate le azioni di società quotate nell’Eurozona;
  • Star, per le società a capitalizzazione compresa tra i 40 e i 1.000 milioni di euro che devono rispettare alti requisiti di governance, trasparenza e di liquidità;
  • Blue chip, dove si negoziano i titoli azionari delle 40 società a capitalizzazione maggiore (oltre i 1.000 milioni di euro).

Cosa sono i titoli azionari?

Prima di focalizzarci sul funzionamento della compravendita di titoli azionari, è importante capire che cosa sono questi asset o attività finanziarie. Le azioni, come già ti ho anticipato, sono “particelle” ovvero singole parti unitarie in cui è suddiviso il capitale delle società per azioni, siano esse quotate e non. Dalla definizione di titoli azionari, puoi capire che il titolare di un’azione possiede una quota del patrimonio societario con tutti i diritti e gli oneri connessi derivanti dall’acquisizione dello status. Non tutti gli azionisti che compravendono titoli azionari vantano gli stessi diritti patrimoniali. Esistono, infatti, diverse categorie di azioni:

  • Ordinarie che attribuiscono il diritto di voto nelle assemblee societarie e la possibilità di percepire i profitti derivanti dai dividendi e dai capital gains;
  • Privilegiate che prevedono un “privilegio” nella distribuzione dei dividendi rispetto alle altre categorie di azionisti, a fronte della limitazione del diritto di voto alle sole assemblee straordinarie;
  • di Risparmio che comportano una privazione del diritto di voto, ma garantiscono privilegi di natura patrimoniale come i dividendi. Questa categoria di titoli azionari è destinata principalmente ai piccoli investitori.

Come negoziare le azioni: gli step da seguire

Le persone fisiche (o anche le persone giuridiche) che vogliono compravendere titoli, devono rivolgersi a validi intermediari regolamentati, cioè a banche ed a società di intermediazione mobiliare (SIM), i quali sono autorizzati dal cliente ad inserire per loro conto, nei sistemi di negoziazione, gli ordini di acquisto e di vendita di azioni. Il titolare di un conto corrente bancario che abbia intenzione di acquistare azioni deve recarsi in filiale e dare l’ordine allo sportellista di comprare titoli di credito. Basta indicare la ragione sociale della società, il numero di azioni e il prezzo al quale si vuole acquistare; un’altra modalità è quello di comunicarlo online o telefonicamente.

Il lotto minimo acquistabile nella Borsa di Milano è di una azione. Una volta che l’ordine viene eseguito, la banca o altro intermediario autorizzato preleva l’importo dell’investimento dal tuo conto titoli, addebita i costi e gli oneri di brokeraggio. Nel tuo dossier titoli (“agganciato” al tuo conto corrente bancario) troverai i titoli azionari acquisiti e, una volta che deciderai di venderli, troverai un accredito depurato di tutti gli oneri per la compravendita e i costi fiscali applicati solo sulle plusvalenze maturate e non sulle minusvalenze.

L’applicazione di oneri e commissioni di brokeraggio varia da intermediario ad intermediario, per questo è bene valutare a chi rivolgersi prima di concludere l’ordine. Ti ricordo che le condizioni economiche applicate, spesso e volentieri, rendono antieconomico compravendere titoli azionari. Per questo motivo, ti consiglio di valutare la possibilità di fare trading online.

Trading online con azioni

Una validissima strategia di investimento è quella di iniziare a fare trading con titoli azionari o optare per la negoziazione di CFD o Contratti per Differenza con asset sottostante Share o azioni. Il mercato Forex trading ti affascina? Ecco il modo migliore per guadagnare compravendendo strumenti finanziari derivati senza dover partecipare alle sedute assembleari societarie, ma avrai la possibilità di guadagnare speculando facendo trading online.

È semplicissimo: basta iscriversi in una delle Piattaforme approntate dai Broker regolamentati online. Ecco quali ti consiglio:

  • Binck
  • Plus500
  • eToro
  • AvaTrade
  • IQ Option
  • Markets.com
  • BDSwiss

investi “al rialzo” e “al ribasso” e guadagna sia quando il prezzo azionario sale sia quando scende. Scopri il modo più “smart” ed innovativo per guadagnare con il trading azionario di CFD.  Attenzione però, con il trading puoi anche perdere il denaro investito, (inoltre i CFD sono un prodotto soggetto ad effetto leva e che quindi possono comportare la perdita di tutto il capitale. Accertati di aver compreso pienamente i rischi connessi). Se preferisci investimenti sicuri e senza rischi (anche se con guadagni molto meno importanti) ti consiglio di aprire un conto deposito.



CATEGORIES
TAGS
Share This

COMMENTS