Come comportarsi con un capo più giovane di te

E chi lo ha detto che prendere ordini da un boss "imberbe" significa essere degli incapaci? Non perdiamo la stima in noi stessi e sfruttiamo al meglio questa inedita situazione. Che potrebbe restituirci entusiasmo e soddisfazione

Proprio quando pensavamo di aver trovato la nostra dimensione al lavoro, è arrivato qualcuno a destabilizzare tutto. L’entrata di un capo più giovane in azienda può far saltare equilibri delicati e generare un senso di insicurezza e di inadeguatezza diffuse. Prendere ordini da chi ha 15 anni in meno di noi può farci sentire dei falliti, ma non è così: ogni percorso professionale va valutato nella sua complessa interezza e non solo sulla scorta di semplici dati anagrafici. Quando un giovane capo entra in ufficio, bisogna fare appello a tutta la nostra solidità ed impegnarsi fino in fondo ad entrare in sintonia con lui. Replicare il dualismo generazionale al lavoro potrebbe essere sfiancante e ingeneroso: la sua giovane età non è certo una colpa, non biasimiamolo per questo. E sforziamoci piuttosto di considerarlo un capo come tutti gli altri, da cui è possibile imparare e trarre ispirazione.


4 consigli per lavorare bene con un capo più giovane

#1. Non perdere la stima in se stessi. Non giriamoci intorno: l’arrivo di un capo più giovane in azienda ci ha messo in crisi, costringendoci a scrutare (con occhio severo) il nostro percorso professionale. Il rischio di sentirsi dei falliti esiste eccome, ma cedere alla frustrazione sarebbe un errore imperdonabile. L’essenziale è non perdere la stima in se stessi né la fiducia nei propri mezzi. Negli anni trascorsi in ufficio, abbiamo maturato una certa esperienza, affinato le nostre capacità e siamo riusciti a stabilire rapporti collaborativi coi colleghi. Non disperdiamo tutto questo “patrimonio”, ma mettiamolo a disposizione del nostro capo. Che non potrà non apprezzare il supporto di una risorsa “matura”, disposta a rendergli la vita più facile.

capo giovane

#2. Concentrarsi sui vantaggi. Non esiste un solo risvolto della medaglia. Avere un capo più giovane di noi significa (di norma) sottostare a un boss grintoso ed entusiasta, incline a portare nuovi stimoli e nuova energia in ufficio. Non è una cosa di poco conto: il lavoro routinario può portarci all’insidiosa apatia facendoci disaffezionare al nostro lavoro. Approfittiamo della “ventata di aria fresca” entrata in azienda e ritroviamo l’entusiasmo per quello che facciamo. Grazie al nuovo giovane capo, potremo diventare lavoratori più motivati e produttivi.

#3. C’è sempre qualcosa da imparare. L’errore più grossolano che si possa fare è dare scarso credito al nuovo boss. La sua giovane età potrebbe indurci a pensare che non abbia granché da offrire, ma (salvo casi eccezionali) non è assolutamente così. Anzi: se è riuscito a raggiungere, in tempi stretti, i vertici dirigenziali è perché, con ogni probabilità, dispone di capacità particolarmente spiccate. Poniamoci dunque nel giusto modo e mostriamoci disponibili ad imparare da lui. I suoi insegnamenti sull’organizzazione del lavoro, sui nuovi mezzi da utilizzare o sull’atteggiamento da assumere per centrare un obiettivo potrebbero delineare scenari avvincenti. Capaci di restituirci lo slancio e la passione degli esordi.

#4. Occhio alla comunicazione. Ingoiato il boccone amaro (prendere ordini da un capo “imberbe” ci ha fatto tribolare per qualche giorno), siamo adesso pronti a cogliere i vantaggi di questa nuova esperienza professionale. Ma cosa bisogna fare, se l’interazione con lui risulta compromessa dal punto di vista comunicativo? La differenza di età potrebbe farsi notare nel ricorso a codici diversi, che ci porta a guardarci intorno smarriti ogni qual volta il giovane capo ci invita a partecipare a un brainstorming o a dargli il feedback di qualcosa. Il gap comunicativo deve essere colmato, in modo da rendere fluido lo scambio di pensieri e informazioni. Ma non temete: nessuno vi chiede di stravolgere il vostro modo di parlare (se continuerete a chiamare riunione il meeting convocato dal vostro superiore, non verrete messi alla berlina), ma semplicemente di adattare il vostro registro a quello del giovane capo. Che di norma opterà per una comunicazione più snella e immediata, fatta di scambi veloci ed efficaci.

Inoltre ti consiglio:

#1 – Se cerchi un nuovo lavoro, ecco per te il Kit Lavorare Sempre, garantito da Bianco Lavoro per qualità ed efficacia!

#2 – Per avere sempre offerte di lavoro reali e verificate nella tua casella email in linea con le tue esigenze, registrati sulla nostra job board Euspert Bianco Lavoro selezionando la tua zona e categoria di interesse (il servizio è completamente gratuito)



CATEGORIES
TAGS
Share This

COMMENTS