Commissione UE: stabile disoccupazione, ma è allarme tra i giovani

L’ultimo rapporto della Commissione Europea di ieri parla di una situazione che si va stabilizzando nei Paesi UE, riguardo al problema dell’occupazione. Secondo Bruxelles, ciò avverrebbe grazie soprattutto all’effetto trascinamento della locomotiva tedesca, lanciata in una crescita a pieno ritmo.


Ma a ben studiare le cifre, c’è ancora molto poco di cui gioire, dato che rispetto ai dati pre-crisi, iniziata nel terzo trimestre 2008, i disoccupati sono 5,7 milioni in più nella UE.

Il rapporto lancia poi l’allarme su un aspetto particolarmente inquietante dell’occupazione, vale a dire il tasso di disoccupazione giovanile, che si attesta al 21%. Quanto all’Italia, dice Bruxelles, va rilevato il fatto che pur in piena crisi, ha sempre tenuto un tasso di disoccupazione inferiore alla media UE; attualmente il Belpaese ha un tasso di disoccupati dell’8,7% contro il 9,6% della media UE. Questo l’ultimo dato di novembre.

Ma l’Italia vanta il triste primato della disoccupazione giovanile, che si attesta al 28,9%, ben quasi 8 punti in più della media europea.

Malgrado le notizie non siano molto incoraggianti e fotografino una situazione di malessere, il rapporto cita l’aumento della fiduciacittadini UE verso il mercato del lavoro. Dato pur sempre indicativo di una prospettiva di crescita e di miglioramento.



CATEGORIES
TAGS
Share This

COMMENTS