Come trovare lavoro: 10 passi da fare assolutamente

Di sicuro non è una formula magica dall’esito garantito ma sono 10 passi fondamentali che chi vuole trovare lavoro deve fare assolutamente.

come trovare lavoro

Quanti si chiedono quotidianamente “come trovare lavoro”?  La ricerca di un lavoro è un lavoro, si sa! Chiunque di noi si sia cimentato nell’ardua impresa sa che l’impegno richiesto è elevato. E l’elemento fondamentale che fa da filo conduttore a tutta la ricerca si chiama organizzazione. Perché se è vero che il periodo economico in cui viviamo non è dei più floridi, bisogna ammettere anche che con Internet le chance di poter trovare lavoro sono aumentate in modo sbalorditivo (rispetto a quando c’erano solo i giornali o si giravano a piedi le agenzie della città!). Pur essendo comodamente seduti al computer di casa però, è importante stabilire le ore da dedicare a come trovare lavoro, limitare le distrazioni così come rispettare una certa regolarità nelle pause. Si può organizzare una scaletta e stabilire delle priorità per come trovare lavoro, cominciando ad esempio con il controllare le notizie del giorno e la casella di posta elettronica al mattino.


Inoltre ti consiglio:

#1 – Se cerchi un nuovo lavoro, ecco per te il Kit Lavorare Sempre, garantito da Bianco Lavoro per qualità ed efficacia!

#2 – Per avere sempre offerte di lavoro reali e verificate nella tua casella email in linea con le tue esigenze, registrati sulla nostra job board Euspert Bianco Lavoro selezionando la tua zona e categoria di interesse (il servizio è completamente gratuito)

Come trovare lavoro, ecco i 10 passi da fare

  1. Curare il proprio biglietto da visita: come in ogni lavoro che si rispetti l’immagine è importante e il proprio “biglietto da visita” deve essere impeccabile! Parliamo del curriculum vitae, della lettera di presentazione e dell’indirizzo e-mail di contatto. Il curriculum: quello tradizionale o il classico “formato europeo” sono ancora utilizzati, soprattutto per le figure professionali “canoniche”. Ma se sei un creativo, un artista o ad esempio una cake designer o una wedding planner, il consiglio è di creare un cv originale e personalizzato. La tecnologia ci viene incontro ed è possibile realizzare cv con infografiche ad alto impatto. La lettera di presentazione: a cosa serve? Se ripete quello che hai già scritto nel cv, non a molto. È la presentazione di te stesso, non di ciò che hai fatto o studiato. Fai emergere la tua personalità, le tue passioni, le motivazioni che ti spingono a volere proprio “quel” lavoro o a lavorare per “quella” determinata azienda. Il contatto: la maggior parte delle candidature oggi vengono inviate via e-mail. Crea un indirizzo “serio” e professionale: magari semplicemente con il tuo nome e cognome (evita in modo categorico vezzeggiativi, soprannomi o appellativi del tipo “cuoretormentato@” ).
  2. Controllare gli annunci di lavoro: cerca gli annunci sui portali dedicati al lavoro e fai uno screening di quelli più interessanti e affidabili. Rispondi alle offerte più fresche e annota quelle alle quali rispondi, specificando il nome dell’azienda e la data di pubblicazione.
  3. Tenersi aggiornati con gli alert: iscriviti agli RSS feed delle agenzie o dei siti di lavoro per rimanere sempre aggiornato. Su alcuni motori di lavoro come indeed.com e jobrapido.com è possibile fare l’iscrizione selezionando mansione e zona di preferenza per ricevere le e-mail con tutti gli annunci di lavoro del giorno. Puoi farlo anche su Bianco Lavoro grazie al segnalatore offerte.
  4. Costruire una mappa del territorio: è molto utile per una ricerca di lavoro mirata “costruire” una mappa del territorio in cui si vive o della città nella quale si sarebbe disposti a trasferirsi, individuando tutte le directory delle aziende e delle agenzie a cui rivolgersi e gli indirizzi e i siti web ai quali inviare la propria candidatura spontanea.
  5. Utilizzare i social network: come trovare lavoro con i social? sono utilissimi ma soprattutto per promuoverti e far conoscere il tuo nome. Sempre che siano finalizzati a tale scopo. Apri un sito o un blog personale, cura i tuoi profili social. Twitter, Linkedin, Pinterest sono efficaci. Anche Facebook può essere utile, ma è il più insidioso. Se segnali il tuo profilo nel cv, controlla sempre le foto in bacheca e modera i commenti degli amici più “goliardici”.
  6. Sfruttare il passaparola: da non sottovalutare assolutamente! Moltissime persone sanno come trovare lavoro in questo modo. Parla con amici e parenti o fai un giro tra gli esercizi commerciali del quartiere. Chi ti conosce saprà indirizzarti verso eventuali proposte di lavoro e parlerà di te in modo positivo con chi sta cercando collaboratori.
  7. Fare formazione: non smettere mai di aggiornarti. Penserai: “Ho già studiato abbastanza nella mia vita, adesso basta”. E invece, no. Proprio per non vedere vanificati l’impegno e il sacrificio di tanti anni di studio, fai in modo che la tua preparazione sia sempre adeguata alle richieste del mercato. Non devi essere il migliore del tuo campo ma importi una crescita continua nel corso del tempo, questo sì. Fai (o fatti fare) un’analisi seria e obiettiva delle tue competenze, colma le tue lacune, segui le novità sui siti specializzati o nei forum di settore.
  8. Attenzione al colloquio di lavoro: l’importante è non bruciarsi. Se siamo al colloquio vuol dire che il curriculum e la lettera di presentazione hanno fatto centro e siamo passati al livello successivo! La prima regola è: conoscere l’azienda. Quindi reperire quante più informazioni possibili. E giocare in anticipo preparandosi le risposte per le domande “più comuni” che sappiamo già ci verranno rivolte. Mostrarsi interessati (sinceramente!) e rivolgere delle domande. Cosa evitare? Di aprire per primi l’argomento “soldi”, di rispondere al cellulare e in ogni caso di dire “scusate il ritardo”. Presuppone già di esserlo e non va assolutamente bene.
  9. Fare una sincera autoanalisi (e autocritica): ti stai chiedendo cosa abbia a che fare con il come trovare lavoro? Rimanere il più possibile obiettivi riguardo a se stessi è fondamentale non solo per porsi in modo corretto nei confronti delle aziende ma anche per migliorare, conservando sempre la giusta dose di umiltà. Cosa so fare realmente? Qual è il mio valore aggiunto? Se io fossi a capo dell’azienda, assumerei uno come me?  Essere speciali e “dare di più” è ciò che ci fa emergere rispetto a tutti gli altri candidati.
  10. Mantenere alta la motivazione: e dopo questa bella e sana autocritica, non ti resta che metterti al lavoro. Ti sentirai entusiasta e determinato, con un obiettivo da raggiungere e tanta voglia di ottenerlo. E nei giorni NO? Se tu fossi in ufficio, ci penserebbe il capo  a trovare il modo giusto di motivarti. In questo caso, invece, devi pensarci tu. Non è semplice, ma le soddisfazioni che verranno, avranno un valore inestimabile. Quindi non demordere, e fidati di te stesso!



CATEGORIES
Share This

COMMENTS