Come scegliere un buon Corso Rspp

Come scegliere un buon corso Rspp: ovvero diventare un esperto certificato nella sicurezza sul lavoro.

sicurezza-sul-lavoro-corso-rsppIl Responsabile dei Servizi di Protezione e Prevenzione è un esperto della sicurezza che si occupa di gestire tutte le attività e le misure di protezione e prevenzione dei rischi atte a tutelare e preservare i lavoratori dell’azienda dai rischi professionali. Attualmente in base all’articolo 17 del D.Lgs 81/08 (decreto che ha riformato e abrogato la legge 626 del 1994), il datore di lavoro può nominare in qualità di Rspp solo persone in possesso di questa specifica qualifica professionale. Per questo è importante che il percorso di formazione che si decide di intraprendere sia realmente professionalizzante e rilasci un attestato legalmente riconosciuto . Ecco alcune indicazioni per orientarsi nella scelta di un buon corso Rspp.


Come scegliere un buon corso Rspp

Il corso Rspp rilascia l’attestato che consente di operare sin da subito in qualità di responsabile della sicurezza sul lavoro. Le aziende che maggiormente richiedono questa figura professionale sono quelle del settore chimico, edile, sanitario, dei trasporti e della logistica.

  1. Requisiti indispensabili: un buon corso Rspp deve essere professionalizzante. Il futuro responsabile della sicurezza deve conoscere tutto ciò che riguarda i rischi sul lavoro nello specifico (infortuni, rischi chimici e fisici, da esplosione, cancerogeni), compresi quelli derivanti da stress da lavoro correlato e di natura ergonomica nonché la sicurezza antincendio. Deve essere in grado di effettuare una reale e attendibile valutazione dei rischi sul posto di lavoro e compilare il DVR (il documento di valutazione dei rischi) per la salute e la sicurezza dei lavoratori dell’azienda.
  2. Attestati e moduli di frequenza: il corso Rspp si compone di differenti moduli d’insegnamento e nello specifico il Modulo A di base, il Modulo B e il Modulo C oltre ai vari corsi di aggiornamento obbligatori (40 ore ogni cinque anni). Va sottolineato che per i laureati in Ingegneria (e di altre facoltà) si danno già per acquisiti i moduli A e B e quindi rimane obbligatorio, ai fini dell’ottenimento del titolo, solo il corso relativo al Modulo C (ed eventualmente gli aggiornamenti del Modulo B se si è conseguita la laurea da più di 5 anni). Gli attestati sono riconosciuti in Italia e all’estero.
  3. Risorse online: per quanto concerne il corso Rspp la formazione a distanza può risultare una valida e rapida alternativa alla formazione in aula e di grande comodità considerando che si può seguire senza orari prefissati, da casa o dal proprio ufficio. Va considerato però che ad oggi non è più consentito ai datori di lavoro di seguire il completo percorso di formazione a distanza per il corso Rspp. Per questi infatti va sempre prevista un’integrazione della formazione in aula. Nessun problema invece per gli aggiornamenti, che possono essere effettuati completamente online.
  4. Costi: il costo di un buon corso Rspp varia a seconda delle ore di lezione, dei moduli da seguire, degli enti che lo erogano. Le realtà organizzative possono essere ad esempio le Università, così come i vari ordini professionali, i sindacati o le aziende accreditate. La media vede il modulo base partire da un minimo di 500-600 euro ma per una formazione completa bisogna superare il migliaio di euro. In modalità online di solito si arriva a risparmiare fino al 20% dell’ammontare complessivo. Discorso differente per i corsi di aggiornamento che hanno prezzi più abbordabili.


CATEGORIES
Share This

COMMENTS