Come ottenere la Certificazione Unica 2015: la guida completa

Tutti i modi attraverso cui è possibile ottenere la Certificazione Unica 2015!

L’8 aprile 2015 l’Inps ha diramato la circolare n. 71 con la quale ha riepilogato le modalità di rilascio della Certificazione Unica 2015, relativa – oltre ai redditi di lavoro dipendente e assimilati, e di pensione – anche ai redditi di lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi. Vediamo dunque quali sono le possibilità per poter entrare in possesso di questo importante documento attestativo, e come poter provvedere in tempi rapidi all’adempimento degli obblighi e delle possibilità di legge.


certificazione-unica-2015

Ecco dunque quali sono tutte le modalità di ottenimento del documento, compresa quella online.

Certificazione Unica 2015: la fornitura telematica

Iniziamo con il ricordare come gli utenti che si trovano in possesso del codice PIN possono scaricare e stampare la Certificazione Unica 2015 dal sito internet inps.it. L’iter è abbastanza semplice: è sufficiente cliccare sul banner “Certificazione Unica 2015” (sulla home page), accedere al menu “Servizi per il cittadino” > PIN > Certificazione Unica 2015 o, in alternativa, dal menu “Elenco di tutti i servizi” > Certificazione Unica 2015.

Ai cittadini in possesso di un indirizzo di posta elettronica CEC_PAC, la Certificazione Unica 2015 viene comunque recapitata alla casella PEC corrispondente. I cittadini che invece hanno un indirizzo di posta elettronica ordinaria, non certificata, all’atto della richiesta del PIN sono informati via email della disponibilità della Certificazione Unica sul sito dell’Istituto.

Certificazione Unica 2015: modalità alternative per ottenerla

L’utenza che non possiede le dotazioni o le competenze necessarie per la fornitura telematica, possono usufruire delle modalità alternative attraverso altri canali di accesso.

Tra i principali, si può annoverare il servizio erogato dalle strutture territoriali dell’Istituto, dove è disponibile almeno uno sportello dedicato al rilascio cartaceo della Certificazione Unica 2015. La certificazione sarà rilasciata solo al soggetto intestatario, previa identificazione dello stesso, salvo esplicita delega o mandato a soggetto diverso dal titolare.

Alternativamente, è possibile ottenere il documento attraverso le postazioni informatiche self service, sempre a disposizione all’interno delle strutture territoriali dell’Istituto. Il servizio sarà tuttavia accessibile solamente agli utenti in possesso di PIN, che possono direttamente procedere alla presentazione online delle domande di servizio mediante postazioni self (dove sarà altresì possibile procedere alla stampa dei certificati reddituali in argomento, richiedendo eventuale assistenza da parte del personale dell’Ufficio Relazioni con il Pubblico).

Altro metodo “alternativo” rispetto a quello telematico è la possibilità di poter disporre della trasmissione della Certificazione Unica attraverso la richiesta indirizzata alla casella di posta elettronica richiestaCertificazioneUnica at postacert.inps.gov.it, alla quale far pervenire la relativa istanza, scansionata e corredata di copia del documento di identità del richiedente. Si può domandare la Certificazione Unica anche tramite posta elettronica semplice, allegando alla comunicazione istanza scannerizzata nella quale indicare anche il numero di posizione della pensione presente nel cedolino o con riferimento alla prestazione temporanea percepita nell’anno di riferimento, il numero di matricola aziendale, oltre che il documento di identità.

Tra i metodi residuali, anche la possibilità di potersi avvalere di un patronato, un CAF, un professionista compreso tra quelli abilitati all’assistenza fiscale o alla presentazione delle dichiarazioni reddituali in via telematica, in possesso di PIN e di certificato Entratel personale in corso di validità. La visualizzazione della Certificazione Unica 2015 da parte degli intermediari è subordinata all’acquisizione di una specifica delega o mandato di assistenza e al possesso di alcuni dati riguardanti il cittadino (codice fiscale, esistenza di mandato o delega specifica, tipologia ed estremi del documento di identità del soggetto per il quale si intende visualizzare il modello, data della delega, durata, posizione previdenziale, numero progressivo della delega, inserimento della scannerizzazione della delega).

Ulteriormente, sarà possibile disporre della Certificazione Unica 2015 anche presso i Comuni e le altre pubbliche amministrazioni che abbiano sottoscritto un protocollo con l’Istituto per l’attivazione di un punto cliente di servizio, e dello sportello mobile per utenti over 85, titolari di indennità di accompagnamento, speciale o di comunicazione.

Ricordiamo altresì che i pensionati residenti all’estero possono domandare la certificazione fornendo i propri dati anagrafici e il numero di codice fiscale ai numeri telefonici dedicati (0039-06.59058000 – 0039-06.59053132). Chi lo desiderasse può inoltre richiedere la disponibilità della certificazione attraverso spedizione al domicilio del titolare, senza costi aggiuntivi: in questo caso sarà tuttavia necessario dimostrare la sussistenza di oggettive situazioni di difficoltà rappresentate dall’utenza.




CATEGORIES
Share This

COMMENTS