Come aprire un FabLab, laboratorio di stampa in 3d

La stampa 3d sta crescendo sempre di più. Aprire un laboratorio in questo settore è una ottima opportunità di business. Vediamo i requisiti, i costi e la burocrazia per avviare l'attività!

Oggigiorno ci troviamo nell’era della tecnologia avanzata, dove cose che in passato sembravano essere surreali, rappresentano ormai la realtà. La tecnologia avanza facendo passi da gigante e, senza neanche rendercene conto, pian piano ci sta aprendo un mondo che fino a qualche decennio fa era totalmente sconosciuto, quasi impensabile. Una delle tecnologie più innovative e recenti che abbiamo a disposizione oggi è quella della stampa in 3d. Una vera e propria rivoluzione dell’idea tradizionale di stampa, che ci dà l’opportunità di creare oggetti dal nulla.


fablab

Cosa è la stampa 3d

Si tratta di un’evoluzione della vecchia stampa in 2d, che permette di riprodurre un disegno in un modello reale, in tre dimensioni, grazie ad un particolare software di modellazione. L’utilizzo della stampa in 3d è ormai sempre più diffuso in molteplici campi, come architettura, medicina legale, ingegneria, paleontologia, arte, etc. Gli oggetti vengono “stampati” da una particolare stampante in 3d che addiziona strati di materiali successivi per dare vita al modello finale. Le tecniche utilizzate possono essere diverse, così come variano anche i materiali utilizzabili. Un investimento in quest’attività così attuale ed in via di espansione rappresenta dunque una mossa imprenditoriale molto astuta e fruttuosa.

Un laboratorio di stampa in 3d diventa una vera e propria bottega in cui il cliente decide e presenta il proprio progetto, facendosi aiutare anche da esperti in design creativo, ed ottiene un oggetto personalizzato su misura. In quest’ottica si può affermare con certezza che il mercato della stampa in 3d ben presto interesserà in maniera concreta diversi campi, dando persino la possibilità di creare gioielli personalizzati a partire da un proprio progetto.

Dunque, chi decide di investire in quest’attività sempre più in via di crescita, investirà certamente in un settore molto promettente per il prossimo futuro. Aprire un laboratorio di stampa in 3d, infatti, non solo non richiede particolari titoli di studio, ma è anche un’idea che può riservare grandi soddisfazioni. Giovani imprenditori che hanno scelto di intraprendere quest’attività ne sono rimasti totalmente soddisfatti, come un trentenne milanese che, affascinato da quest’idea innovativa ha deciso di fare di essa la propria attività principale, ottenendo ottimi
risultati.

Come aprire un laboratorio di stampa in 3d

Aprire un laboratorio di stampa in 3d può sembrare una cosa complicata e riservata solo a chi possiede specifiche caratteristiche. In realtà non è così. Bastano passione, impegno e qualche piccola nozione di base per poter aprire e gestire al meglio un’attività di questo tipo. Il titolare di un laboratorio di stampa in 3d, infatti, deve possedere solo pochi requisiti di base, come ottime capacità gestionali e relazionali. La cosa fondamentale, invece, è quella di avvalersi di validi collaboratori che svolgano le mansioni tecniche, quindi esperti del settore . Il punto di forza di un laboratorio di stampa in 3d di successo sta nella qualità delle proprie attrezzature. Esso necessita infatti di specifiche apparecchiature, quali stampanti in 3d professionali, diversi materiali, hardware e software per la progettazione in 3d. Tutti questi prodotti dovranno essere di ottima qualità per garantire la buona riuscita ed il successo della propria attività.

Burocrazia

Aprire un laboratorio di stampa in 3d non prevede un iter burocratico particolarmente complicato. Bastano solo poche e semplici mosse e il gioco è fatto: è necessario innanzitutto aprire una partita IVA e, successivamente, iscriversi alla Camera di Commercio. Servirà poi un locale adeguato, andrà bene anche un laboratorio di piccole dimensioni, e infine basterà munirsi delle attrezzature necessarie. I costi di investimento si aggirano intorno ai 10.000 euro.

Aprire un laboratorio di stampa in 3d in franchising

La stampa in 3d è un’attività abbastanza recente. Nonostante ciò, in Italia stanno sorgendo numerosi laboratori che offrono questo servizio e che cercano di ampliarsi in tutto il Paese aprendo nuovi negozi in franchising. Scegliere di aprire un laboratorio di stampa in 3d in franchising, dunque, può rappresentare un’idea alternativa e molto vantaggiosa per chi vuole avvicinarsi a questo tipo di attività in maniera più semplice e sicura.

Supporto

Kit_Creaimpresa_ FabLab_e _3D_printing_store

Per chi volesse un supporto nell’avvio dell’attività ed avere info e consigli per avere finanziamenti, contributi a fondo perduto e agevolazioni pubbliche segnaliamo il Kit Creaimpresa (da noi valutato e ritenuto veramente valido): Aprire un FabLab, laboratorio stampa in 3d .



CATEGORIES
TAGS
Share This

COMMENTS