La Cina Studia Microsoft per le politiche di vendita

Il colosso dell'informatica Microsoft è finito sotto la lente di ingrandimento delle autorità cinesi. Il Governo di Pechino vuole vederci chiaro non solo sulle politiche commerciali e di vendita ma anche sui contratti di lavoro.

Nelle sedi centrali di Microsoft Cina sono in corso da settimane controlli e sequestri.


cinabusiness

Sono 4 le sedi cinesi di Microsoft che sono state controllate nell’ultima settimana, la direzione centrale Cina di Pechino e le sedi commerciali e amministrative di Shanghai, Canton e Chengdu. Per il Governo Microsoft ha utilizzato dei comportamenti commerciali non corretti tanto da ostacolare una vera e propria concorrenza sul mercato locale. Il quadro di controllo generale, in particolare, viene portato avanti dall’organismo che controlla le attività di multinazionali non cinesi operanti nel settore dell’industria e del commercio.

Microsoft è solo una delle tante aziende internazionali che sono state controllate. Prima di essa già Apple e altri avevano risposto a controlli ufficiali da parte degli enti governativi di Pechino. I controlli su Microsoft, spiega una nota rilasciata dalla sede centrale dell’azienda a Redmond, negli Stati Uniti, potrebbero avere conseguenze sui lavoratori attualmente occupati nelle sedi cinesi. Secondo indiscrezioni, il governo cinese vuole vederci chiaro sui contratti che riguardano la vendita di licenze sui sistemi operativi e sui software più comuni come Office. Per le norme vigenti in Cina alcune autorizzazioni richieste da Microsoft sarebbero incomplete e nonostante richieste ufficiali Microsoft non ha ancora rispettato termini e vincoli contrattuali previsi per operare in Cina.




CATEGORIES
Share This

COMMENTS