Cercati su Google! Lo hai mai fatto?

La barra di Google è ormai nostra amica di tutti i giorni… Hai mai pensato ad inserire il tuo nome e cognome? Cercati su Google, potresti scoprire informazioni che credevi perse o di cui non ricordi neppure l’esistenza! Nulla di narcisistico, ben inteso: pensa semplicemente che i risultati che vedi tu apparire nelle pagine di Google sono gli stessi che vedono i tuoi potenziali datori di lavoro (nonché potenziali clienti se lavori in proprio) . E i risvolti possono essere davvero interessanti.


image by Mike Focus

image by Mike Focus

Vuoi sapere cosa dice il web di te? Cercati su Google.

Google da questo punto di vista è uno strumento eccezionale, in grado di tenere traccia della tua reputazione online. Per affinare la ricerca e raggiungere i migliori risultati possibili, tieni conto di alcuni accorgimenti.

Innanzitutto, esegui la ricerca attraverso un browser diverso da quello abituale oppure tramite navigazione in incognito, in modo da evitare risultati personalizzati e “falsati” dalle tue ricerche quotidiane.

Una volta digitato il tuo nome e cognome su Google, cosa vedi?

È chiaro che la prima pagina di risultati è quella che tutti vedranno e sulla quale si soffermerà la maggioranza delle persone. Nel caso specifico -quello che ti interessa in questa sede- i tuoi potenziali clienti o datori di lavoro. Purtroppo i profili social sono sempre tra i primi risultati ad apparire. Quindi se hai (e di certo è così) profili personali su Facebook, Twitter, Google +, ecco che le prime posizioni su Google saranno occupate proprio da questo tipo di informazioni. Purtroppo perché dai social media possono trapelare immagini o notizie che ci riguardano e che se non selezionate e monitorate con attenzione, possono rivelarsi inopportune e controproducenti nella ricerca di lavoro o di nuovi clienti per la tua attività.

Punto due: hai un cognome comune? Che può essere confuso tra tanti omonimi? Allora è il caso di scegliere un identificativo, da associare al tuo nome, in grado di contraddistinguerti senza lasciar spazio a dubbi o equivoci.

Cercati su Google dunque ma non fermarti solo alla sezione “tutti” dei  risultati, dai un’occhiata anche alle immagini.

E se emergono risultati che non ti piacciono e che vorresti cancellare?

Ad esempio Google può mettere in risalto anche tuoi commenti lasciati qua e là nei forum, o didascalie di foto scattate in varie occasioni. Se non sei soddisfatto di quello che hai trovato, devi assolutamente “fare pulizia” e dare una bella lucidata alla tua reputazione online! Comincia con il rivedere tutti i tuoi profili social, cancella i post che non ti piacciono, elimina le immagini indesiderate e se sei stato taggato in qualche contesto che reputi non adatto a te, puoi contattare chi lo ha fatto o addirittura lo stesso gestore per farlo rimuovere.

C’è un  modo per migliorare i risultati di Google che ti riguardano?

Per quanto non si possa decidere cosa mettere prima o dopo nelle pagine dei risultati di Google, è possibile migliorarli in qualche modo, sotto certi aspetti. Ad esempio, sapendo che tra i primi risultati ci sono sempre le pubblicazioni sui social, ecco che puoi “manovrare” il tuo profilo Google+  e fare una selezione accurata di ciò che inserisci ogni giorno.

Se hai il dubbio che ciò che appare sul web e che ti riguarda non sia in realtà tutto da mostrare – e che addirittura possa oscurare la tua reputazione in vista di un nuovo lavoro- allora cercati su Google e comincia e fare pulizia!

 

 




CATEGORIES
Share This

COMMENTS