Categorie protette, come iscriversi e lavorare

Ecco in che modo poter avere accesso alle categorie protette e a tutti i vantaggi relativi

categorie protette

Le categorie protette costituiscono una particolare categorie di cittadini che, per loro condizioni di natura personale, vengono tutelati in maniera specifica dalla legge, con particolare riferimento alle possibilità di inserimento lavorativo all’interno del mondo professionale italiano. Ma quali sono le categorie protette? E in che modo è possibile domandare l’accesso a questa specifica lista? Cerchiamo di saperne di più, e comprendere – passo dopo passo – come poter beneficiare di tutte le agevolazioni previste dalla legge 68/1999.


Chi può rientrare nelle categorie protette

Possono rientrare nelle categorie protette tutti coloro i quali hanno almeno 15 anni di età ma non hanno ancora raggiunto l’età pensionabile, e sono riconducibili in una delle seguenti situazioni:

  • invalidità civile con riconoscimento di invalidità superiore al 45%
  • invalidità del lavoro con riconoscimento di invalidità INAIL superiore al 33%
  • non vedenti (cecità assoluta o residuo visivo non superiore a un decimo ad entrambi gli occhi)
  • sordomuti (sordità alla nascita o prima dell’apprendimento della lingua parlata)
  • invalidità di guerra, invalidità civile di guerra, invalidità per servizio

L’art. 18 della stessa legge prevede inoltre che possano essere considerate categorie protette anche:

  • orfani e coniugi superstiti dei deceduti per causa di lavoro, di guerra o di servizio, ovvero a causa dell’aggravarsi di invalidità riportate per tali cause
  • coniugi e figli di soggetti riconosciuti grandi invalidi per causa di guerra, di servizio e di lavoro, esclusivamente in via sostitutiva dell’avente diritto a titolo principale
  • profughi italiani rimpatriati;
  • vittime del terrorismo, della criminalità organizzata e del dovere, anche se non in stato di disoccupazione
  • familiari delle vittime del terrorismo, della criminalità organizzata e del dovere, esclusivamente in via sostitutiva dell’avente diritto a titolo principale e anche se non in stato di disoccupazione.

Come chiedere l’accesso alle categorie protette

Per poter disporre del riconoscimento di appartenenza alle categorie protette e, di conseguenza, poter procedere alla fruizione delle agevolazioni per chi cerca lavoro, è necessario consegnare agli sportelli del Centro per l’impiego territoriale tutta la documentazione relativa all’accertamento della propria condizione.

Per quanto ad esempio concerne gli orfani di guerra, occorrerà presentare il certificato d’iscrizione nell’elenco generale tenuto a cura del Comitato provinciale dell’Opera Nazionale Orfani di guerra presso la Prefettura, mentre per i profughi bisognerà produrre l’attestazione della condizione rilasciata dalla Prefettura del luogo di residenza.

Ancora, e sempre a titolo di esempio, per le vittime del terrorismo e della criminalità organizzata bisognerà produrre il certificato del Prefetto del luogo di residenza, mentre per gli orfani e i coniugi superstiti di deceduti per causa di servizio, sarà necessario consegnare la dichiarazione dell’Amministrazione presso la quale il deceduto prestava servizio, attestante la condizione.

Considerata la variabilità di documentazione da produrre, vi consigliamo di prendere contatto con il Centro per l’impiego territorialmente competente, e domandare ogni chiarimenti ai consulenti ivi presenti.

Per cercare lavoro consigliamo: Offerte di lavoro per categorie protette




CATEGORIES
Share This

COMMENTS