Cartelle Equitalia meno care: sconti sull’aggio dal 2016

Le riduzioni scatteranno col nuovo anno e non saranno retroattive

Chiariamolo subito: vedersi recapitare una cartella da Equitalia continuerà a far paura, ma dal prossimo anno agli importi dovuti verranno applicati oneri di riscossione più bassi. Tecnicamente si chiamano aggi e altro non sono se non le percentuali sulle somme riscosse che gli esattori sono autorizzati a trattenere come compenso per il servizio svolto. Si tratta, in pratica, del denaro che Equitalia mette in cassa ogni qualvolta riscuote, per contro dello Stato, le cifre dei contribuenti morosi.


Cartelle Equitalia

image by 3D Vector

Ebbene, dal prossimo 1 gennaio 2016, partiranno le riduzioni di tali oneri: a coloro che pagheranno l’importo contestato entro 60 giorni dalla notifica della cartella, verrà applicato un aggio del 3% (e non più del 4,65%); mentre coloro che lo faranno oltre il termine dei 60 giorni, se la caveranno con un aggio del 6% (e non più dell’8%). Si tratta di un piccolo passo avanti che renderà le cartelle esattoriali un po’ meno pesanti. Gli “sconti” scatteranno con l’arrivo del nuovo anno e non potranno essere applicati in maniera retroattiva. Ma non si tratta dell’unica novità: Equitalia ha infatti annunciato l’intenzione di procedere con una riorganizzazione del gruppo che si tradurrà nella riunificazione, sotto un’unica holding, delle tre attuali ripartizioni: Nord, Centro e Sud.




CATEGORIES
Share This

COMMENTS