Cambiare vita: trasferirsi e lavorare in Norvegia

La Norvegia rappresenta un vero e proprio Paradiso per gli amanti di certi tipi di bellezze paesaggistiche nordiche, con cime montagnose imponenti, immense foreste ed i celebri fiordi. Il mare e la montagna si alternano e regalano uno spettacolo mozzafiato, ma dovete sapere che ad esempio nella sua capitale Oslo la temperatura in inverno scende oltre i meno 20 gradi sotto zero, mentre in primavera si può stare anche tranquillamente 10 gradi sotto zero. L’alto senso civico della popolazione norvegese è rinomato in tutto il Mondo.


Economicamente la Norvegia si conserva, nonostante la triste congiuntura economica internazionale, un Paese dai fondamentali assolutamente floridi

(grazie anche al petrolio ed all’industria del gas in forte espansione), che vanta un tasso di disoccupazione risibile (intorno al 3%). Immigrazione massiccia con la crisi, specie dai Paesi del Sud d’Europa, vedi Italia, Spagna e Grecia, ma attenzione a partire allo sbaraglio, la vita costa parecchio, ed a causa di cibo ed affitti molto cari, c’è anche chi una volta trasferito si è ritrovato a chiedere aiuto ai servizi sociali del posto.

Una volta giunti in Norvegia (per 3 mesi si può rimanere da turisti), per chi vuole aprire un’attività in proprio, basta registrarsi al più vicino ufficio di polizia e dimostrare che si sta lavorando. Se invece siete in cerca di un lavoro, il tempo concesso è 6 mesi. Ma un particolare fondamentale da conoscere assolutamente nella ricerca di un’occupazione è che le aziende in Norvegia reclutano tantissimo (anzi quasi esclusivamente!) tramite Internet, e facilita molto il vostro compito inviare i cv via web, per iniziare la ricerca ancor prima di esser partiti (chi lavora ha gli stessi diritti su sanità e pensione dei residenti in Norvegia). Il primo permesso di soggiorno concesso per lavoro ha durata annuale.

L’inglese è parlato quasi da tutti, ma se ambite ad un lavoro duraturo è fondamentale partire dopo aver studiato la lingua norvegese. Alcune occupazioni temporanee non richiedono la conoscenza del norvegese, ma rischiate poi una volta terminato il primo contratto di dover tornare a casa, se non avete nel frattempo imparato la lingua madre del posto.

Il welfare state, nonostante la crisi economica mondiale, si conferma un tratto caratteristico della Norvegia, con servizi di grande qualità garantiti a tutti e 3 anni di stipendio pagati al 70% dallo Stato per chi perde un lavoro stabile (ma praticamente nessuno passa 3 anni senza trovare un nuovo lavoro).

Le agenzie interinali funzionano alla grande in un mercato del lavoro del genere, e c’è gente che lavora tutta la vita tramite di esse, ma fate in modo che negli accordi che prendete con le agenzie di recruiting ci sia l’impegno ad aiutarvi a trovare lavoro una volta perso l’incarico precedente.

Ricapitolando due sono le cose che non dovete dimenticare se volete cominciare una nuova vita in Norvegia: imparare il norvegese, meglio se ancora prima di partire (farlo in Norvegia tra l’altro può costare molto di più), ed utilizzare Internet per cercare lavoro.

Inoltre ti consiglio:

#1 – Se cerchi un nuovo lavoro, ecco per te il Kit Lavorare Sempre, garantito da Bianco Lavoro per qualità ed efficacia!

#2 – Per avere sempre offerte di lavoro reali e verificate nella tua casella email in linea con le tue esigenze, registrati sulla nostra job board Euspert Bianco Lavoro selezionando la tua zona e categoria di interesse (il servizio è completamente gratuito)



CATEGORIES
TAGS
Share This

COMMENTS