Bye bye scontrini: arrivano i registratori telematici

Dal prossimo anno, gli esercenti del Bel Paese potranno scegliere di congedarsi definitivamente da scontrini e fatture. E di sostituire i vecchi registratori di cassa con i più moderni registratori telematici collegati all’Agenzia delle Entrate. Sono queste le novità contenute nelle bozze di un provvedimento pubblicate sul sito Tris della Commissione Europea. Che potrebbero spianare la strada a una nuova era e inaugurare un rapporto di stretta collaborazione tra i negozianti e il Fisco.


scontrini

Le bozze del provvedimento prevedono la possibilità, per i contribuenti Iva, di optare per la memorizzazione elettronica e la trasmissione telematica dei dati dei corrispettivi giornalieri delle vendite all’Agenzia delle Entrate. E la possibilità di porre fine al rilascio obbligatorio di scontrini e fatture cartacee, a meno che il cliente non ne faccia esplicita richiesta. Ma come funzioneranno i registratori telematici? Alla chiusura giornaliera, genereranno un file XML, lo sigleranno elettronicamente e trasmetteranno tutte le informazioni sugli incassi al sistema informativo dell’Agenzia delle Entrate. In pratica, questi registratori comunicheranno e tracceranno, in tempo reale, ogni operazione compiuta dall’esercente, instaurando un rapporto di completa trasparenza col Fisco. Ad occuparsi dell’attivazione e dell’installazione dei nuovi registratori telematici sarà il personale dell’Agenzia delle Entrate, che provvederà anche ad effettuare periodiche verifiche (a cadenza biennale) sul loro corretto funzionamento.

“Dal 1 gennaio 2017 – si legge nella nota diffusa, qualche giorno fa, dall’Agenzia delle Entrate – i contribuenti Iva che effettuano cessioni di beni e prestazioni di servizi verso clienti privati potranno esercitare l’opzione di memorizzazione elettronica e trasmissione telematica dei dati dei corrispettivi giornalieri, così come previsto dall’articolo 2 del Dl n. 127/2015. Chi sceglierà di memorizzare e trasmettere telematicamente i dati dei corrispettivi dovrà dotarsi di un registratore telematico e utilizzare i servizi online messi a disposizione dall’Agenzia delle Entrate sul suo sito internet”. “L’intero processo – si precisa ancora nel comunicato – avverrà in modo semplice e sicuro per il contribuente, consentendo all’Agenzia un censimento e un monitoraggio automatico dei registratori telematici in esercizio e mettendo a disposizione dei contribuenti, che avranno esercitato l’opzione, le informazioni acquisite nel tempo, al fine di instaurare con gli stessi un rapporto di massima collaborazione“.




CATEGORIES
Share This

COMMENTS