Buone abitudini: 7 minuti che renderanno le tue mattinate più tranquille

Consigli semplici da mettere in pratica ma che se osservati con costanza possono diventare buone abitudini in grado di rendere le mattinate più tranquille

Puoi immaginare che bastano solo sette minuti per rendere le tue mattinate più tranquille e per cambiare il modo di approcciarti alla tua giornata? Adottando queste buone abitudini e mettendole in pratica prima di cominciare con il lavoro, otterrai un miglioramento inatteso nella tua produttività, nel tuo modo di porti, nei tuoi successi e perfino nel tuo stato di benessere psico-fisico.


Ripetere queste buone abitudini prima di iniziare la giornata (con costanza e disciplina) contribuirà nel tempo a farti raggiungere risultati sempre migliori.

Le buone abitudini aumentano la produttività: ecco cosa fare al mattino

1. Prima di cominciare: preparati

Innanzitutto ti occorre un posto tranquillo: di certo non è adatta la tua scrivania se lavori gomito a gomito con i colleghi. E di certo non è idonea l’auto, ci sono troppe distrazioni. L’ideale potrebbe essere un balcone o un terrazzino della sede del tuo ufficio per cominciare a prepararti a queste buone abitudini. L’unica cosa è che dovrai arrivare un po’ prima al lavoro per poterti concedere questi sette minuti (una delle regole basilari per migliorare la produttività è quella di alzarsi presto al mattino). Avrai bisogno di un diario. Assicurati di averne uno e assicurati di avere una penna. E poi controlla l’orologio. Dovrai cronometrarti ed essere certo di finire il tutto in sette minuti.

2. Primo minuto: schiarisci la mente

Qui non c’entra nulla la meditazione o la preghiera ma semplicemente è opportuno che chiunque voglia raggiungere degli obiettivi segua questa routine e adotti abitudini che non uccidano la produttività. Hai bisogno di schiarirti la mente. E quel cellulare che usi per controllare continuamente i tuoi messaggi? Lascialo da parte. Focalizzarti sulle tue mete richiede davvero che tu sia presente a te stesso per prepararti ad affrontare la giornata e agire per raggiungerle.

3. Secondo minuto: respira un po’

In modo consapevole, s’intende. Respirare profondamente produce un immediato effetto di calma nella tua mente e ti aiuta a concentrarti. La respirazione intenzionale è importante e ci si può dedicare in ogni momento della giornata. Affinché questa routine funzioni devi fermarti e cercare il buonumore. Quindi siediti tranquillamente e respira.

4. Dal terzo minuto al sesto: scrivi e disegna

Avrai sicuramente sentito parlare dell’importanza di avere un diario. Dell’importanza di scrivere in ogni momento possibile della giornata, per catturare un’idea dopo aver preso un caffè, la sera prima di andare a letto, durante riunioni e conferenze. Ma la forma più produttiva di usare un diario è quella di annotare di volta in volta i pensieri che ti vengono in mente, meglio se prima ancora di cominciare gli impegni della giornata. Fai un disegno, scarabocchia, butta giù un’idea: è un modo per visualizzare cosa è importante per te e cosa ti stressa. Fai attenzione a seguire il flusso dei tuoi pensieri e ad annotarli e non a concentrarti troppo sulla scrittura perdendo di vista i tuoi pensieri.

5. Settimo ed ultimo minuto: valutazione

Dopo aver annotato tutto, tieni il tempo e assicurati di lasciarti un minuto alla fine per ricapitolare e fare il punto della situazione. Cosa significa? Ripercorri rapidamente ciò che hai annotato e focalizzati su una voce della tua lista. Una sola. È quella che dovrai cercare di portare a termine nel corso della giornata, che si tratti di una relazione da consegnare o di un conflitto da risolvere. Deve diventare una routine e far parte delle tue buone abitudini.

La pratica ti aiuterà molto nel far sì che questi minuti siano davvero sette e diventino sempre più preziosi. Magari il primo giorno ne occorreranno 15 e il secondo 10 ma imparerai a sintetizzare. E la sintesi aiuta a fare chiarezza.

 

 



CATEGORIES
Share This

COMMENTS