Bravo manager? Ecco 5 frasi che devi eliminare dal tuo vocabolario

Spesso capita di pronunciare queste frasi in buona fede e spontaneità ma attenzione: possono davvero rovinare la giornata (e l'immagine di bravo manager)

Un bravo manager ha un’enorme influenza su dipendenti e collaboratori e le sue parole vengono spesso caricate di un peso spesso maggiore di quanto ne abbia realmente (soprattutto in negativo!). Pronunciare parole sbagliate può avere un effetto molto potente:  per te rappresentano uno sfogo insignificante o il risultato di un nervosismo passeggero ma per chi ti ascolta può significare un’intera giornata rovinata, un abbassamento del morale e della motivazione o un motivo di rancore latente.


manager di successo

 

Le 5 frasi che un bravo manager deve eliminare dal vocabolario

Vieni nel mio ufficio. Ci sono manager che hanno l’abitudine di parlare in modo molto secco e conciso con i propri dipendenti: anche quando si tratta di comunicazioni di servizio, sembra sempre che diano ordini e siano allarmati. Vieni nel mio ufficio è un imperativo che agita le persone, che fa pensare subito a qualcosa di terribile che hanno commesso senza neppure accorgersene. Meglio dire: “Potresti venire nel mio ufficio? Vorrei discutere alcuni dettagli del report che mi hai consegnato”. Oppure “potresti fermarti un attimo nel mio ufficio? Niente di urgente ma vorrei cominciare a definire il prossimo lancio di prodotto”.

Sentiti libero di farmi dare un’occhiata al documento, prima di inviarlo. La maggior parte dei dipendenti interpreta questa frase come “non devi farlo per forza, solo se hai bisogno di una conferma” (ma se poi ci sono errori, come la mettiamo? E se invece gli chiedo di correggerlo penserà già a priori che non sono sicuro del mio lavoro?). Frustrante. In qualità di bravo manager non parlare mai dando delle opzioni ma sempre in modo chiaro e inequivocabile.

Non ne ho idea, semplicemente trova il modo per farlo! È vero che arriva il momento in cui un dipendente deve imparare a trovare soluzioni in modo autonomo ma una frase del genere fa decadere all’istante la tua immagine di guida e di manager di successo. Quindi anche se si tratta di un incarico che il dipendente dovrebbe essere in grado di svolgere da solo, se ti chiede come farlo cogli l’occasione per spiegargli quali sono le aspettative su di lui e che può mettersi alla prova utilizzando quella risorsa e quello strumento in particolare.

È tutto importante! Se un tuo dipendente ti chiede a cosa preferisci venga data la priorità in un determinato progetto, questo tipo di risposta è una secca negazione di aiuto. È chiaro che ogni singolo aspetto di un progetto è importante ma la tua segretaria non può fare tutto  nello stesso momento, da qualche parte dovrà pur cominciare!

Spero che Mario riesca a svolgere il lavoro bene come lo fai tu. Mostrare scarsa fiducia in un dipendente –anche se in realtà con questa frase ti stai complimentando in modo indiretto con il tuo interlocutore- fa sorgere il dubbio che in altre occasioni potresti fare lo stesso nei suoi confronti, in sua assenza. Essere un bravo manager significa perseguire gli obiettivi aziendali ma sempre rispettando  i dipendenti e agendo nella massima trasparenza e franchezza.

Inoltre ti consiglio:

#1 – Se cerchi un nuovo lavoro, ecco per te il Kit Lavorare Sempre, garantito da Bianco Lavoro per qualità ed efficacia!

#2 – Per avere sempre offerte di lavoro reali e verificate nella tua casella email in linea con le tue esigenze, registrati sulla nostra job board Euspert Bianco Lavoro selezionando la tua zona e categoria di interesse (il servizio è completamente gratuito)




CATEGORIES
Share This

COMMENTS