Bonus TV e decoder, al via gli incentivi. Ecco come usufruirne

Il 18 dicembre 2019 si parte con gli incentivi per l'acquisto di Tv e decoder capaci di captare il nuovo segnale in tecnologia Dvb-T2

Il 18 dicembre 2019 si parte con i contributi per l’acquisto di nuovi apparecchi Tv e decoder, capaci di captare il nuovo segnale che adopera la tecnologia denominata Dvb-T2. Potranno beneficiarne le famiglie con un Isee fino a 20 mila euro. Come funziona il bonus e come richiederlo.


I contributi per l’acquisto di nuovi apparecchi Tv e decoder

bonus tv

Nella Gazzetta Ufficiale è presente il decreto che autorizza i contributi economici per l’acquisto di Tv e decoder, che siano in grado di captare il nuovo segnale con tecnologia Dvb-T2. Infatti già a partire dal prossimo anno, ci sono dei cambiamenti in vista per quanto riguarda il segnale con cui i vari apparecchi televisivi possono trasmettere contenuti.

Si passerà alla nuova tecnologia, ad un nuovo segnale che solamente gli apparecchi di ultima generazione possono captare. Per questo motivo, molte famiglie si troveranno a dover cambiare il loro televisore oppure adattarlo con un decoder. Arrivano così degli incentivi economici, che prevedono uno sconto fino a 50 euro, sull’acquisto di questi nuovi apparecchi. Potranno beneficiare del bonus, le famiglie che hanno un Isee non superiore i 20 mila euro.

Lo sconto per chi acquista nuovi apparecchi televisivi o decoder

Il bonus rivolto alle famiglie economicamente più deboli, con Isee fino a 20 mila euro, consiste nello sconto fino a 50 euro sull’acquisto di Tv e decoder. Questo vuol dire che lo sconto sarà ovviamene inferiore ai 50 euro se il dispositivo comprato costa meno di tale somma. Il bonus può essere richiesto dalle famiglie, direttamente al commerciante o rivenditore, nel momento dell’acquisto di dispositivi di ultima generazione. Lo sconto previsto si applica sul prezzo stesso, Iva inclusa e si estende anche alle tecnologie via cavo. Si tratta di una misura a sostegno delle tante famiglie che purtroppo si trovano in condizioni economiche particolari e devono comunque sostenere determinate spese, per continuare a vedere la Tv.

Come richiedere il bonus TV

Cerchiamo ora di capire, in maniera concreta, come richiedere il bonus per l’acquisto di Tv e decoder. Le famiglie interessate, dovranno scaricare un modulo dal sito del Ministero dello Sviluppo. Si tratta di un modulo che ha il compito di certificare la presenza dei requisiti economici, ossia Isee fino a 20 mila euro. Nel momento dell’acquisto, il negoziante andrà ad inserire sul sito dell’Agenzia delle Entrate il modulo presentato dalle famiglie, in maniera da ottenere l’ok definitivo per la concessione del bonus. Altre informazioni da dover comunicare all’Agenzia delle Entrate, sono i dati del documento di identità del cliente, così come le informazioni generali sul prodotto che si vuole vendere, in maniera tale da controllarne l’idoneità. Lo sconto di massimo 50 euro, al momento dell’acquisto di Tv e decoder, sarà recuperato dal negoziante stesso sotto forma di credito d’imposta.

Quando parte il bonus?

Come accennato precedentemente, il bonus erogato per chi acquista nuovi dispositivi Tv e decoder, partirà il 18 dicembre 2019 e resterà attivo fino a dicembre 2022. Il Governo, per questo bonus, ha stanziato 151 milioni di euro. Nello specifico sono 25 i milioni di euro per il 2019, 76 milioni stanziati per il 2020, 25 milioni per il 2021 ed altri 25 milioni per il 2022. Non si esclude lo stanziamento di ulteriori somme di denaro, grazie alle prossime leggi di bilancio. Ricordiamo che le emittenti televisive, trasmetteranno con il nuovo segnale Dvb-T2 a partire dal 30 giugno 2022, tuttavia lo switch off avverrà in maniera graduale, fino al 2022, data di termine del passaggio al nuovo segnale in tutt’Italia.

Verificare l’efficacia del proprio apparecchio tv

Un consiglio utile per tutti è quello di verificare l’effettiva efficacia del proprio apparecchio Tv, prima di andarne a comprare un altro. A partire dal 2017 tutti i negozianti sono obbligati a vendere solo ed esclusivamente apparecchi di ultima generazione, capaci di captare il nuovo segnale.

Fino ad oggi, stando alle stime, sono stati venduti circa 10 milioni di televisori compatibili con il nuovo segnale in arrivo. Tuttavia altri ancora dovranno essere venduti per sostituire i vecchi che saranno praticamente inutilizzabili. Per controllare l’efficacia dei propri apparecchi, alcune emittenti televisive, stanno pensando di mettere in onda due canali test, probabilmente al canale 100 e 200. Grazie a questi, potrete verificare se il vostro televisore è in grado di captare il nuovo segnale o meno.

Il satellitare come alternativa

Altra alternativa per chi non volesse comprare un nuovo apparecchio Tv o decoder, è quella del satellitare gratuito. Anche in questo caso però, bisognerà comprare un decoder specifico chiamato TivùSat che al momento ha attive circa 3,5 milioni di tessere. Tuttavia il suo costo non è economico, in quanto si arriva sui 120 euro. Ricordiamo che il bonus Tv è valido anche per il satellitare, dunque il decoder TivùSat può essere acquistato con il bonus. Insomma, il cambiamento è dietro l’angolo, non fatevi trovare impreparati.



CATEGORIES
Share This