Bonus famiglia 2020: tutte le misure a sostengo dei nuclei familiari

Le misure a sostegno dei nuclei familiari che saranno attive nel 2020 tra conferme e novità

Anche nel 2020 saranno tante le misure a sostegno dei nuclei familiari. Infatti, il Governo ha rivisto il ventaglio dei bonus famiglia previsti per il 2020, andando a creare quello che può essere definito un vero e proprio family act, ossia un pacchetto famiglia con tante agevolazioni pensate per i nuclei familiari, soprattutto quelle con redditi bassi.


Bonus famiglia 2020

Il bonus famiglia 2020 comprende al suo interno tutta una serie di misure pensate a sostegno dei nuclei familiari, con particolare attenzione a quelli con redditi bassi. Le politiche per la famiglia hanno introdotto novità, oltre a confermare vecchie misure già presenti negli anni passati, così come si farà spazio ad altri strumenti a sostegno delle famiglie nel 2021. In particolare, tutte le attuali misure per la famiglia, a partire dal 2021 confluiranno nel Fondo assegno universale e servizi alla famiglia, che parte con una somma di 1.044 milioni di euro per l’anno 2021, mentre nel 2022 la somma arriverà a 1.244 milioni di euro.

Bonus bebè

Il bonus bebè, misura già esistente negli scorsi anni, è stato confermato anche per il 2020. Si tratta di un sostegno economico riconosciuto per ogni figlio nato, adottato o preso in affidamento, nel periodo di tempo compreso tra il 1° gennaio ed il 31 dicembre 2020. Il bonus sarà concesso fino al compimento del primo anno di vita del bambino, mentre per i bambini adottati, sarà riconosciuto per il primo anno dell’ingresso in famiglia. Ed ancora, questa tipologia di bonus è erogata sulla base di tre scaglioni di Isee:

  • Isee fino a 7 mila euro, sono previsti 160 euro al mese, per 1.920,00 euro all’anno;
  • Isee fino a 40 mila euro, sono previsti 120 euro al mese, per 1.440,00 euro all’anno;
  • Isee oltre 40 mila euro, sono previsti 80 euro al mese, per 960,00 euro all’anno.

Arrivo di un secondo bebè

Nel caso in cui arrivasse un secondo bebè, anche per adozione o affidamento, nel medesimo periodo di tempo, ossia tra il 1° gennaio ed il 31 dicembre 2020, il bonus sarà incrementato del 20%. In questo modo si garantiscono più di 2 mila euro annui alle famiglie che appartengono a fasce di reddito basse. Per essere più precisi, il bonus bebè per il secondo figlio è:

  • per le famiglie con Isee fino a 7 mila euro, sono previsti 192 euro al mese per ogni figlio minore di 1 anno;
  • per le famiglie con Isee tra i 7 mila ed i 40 mila euro, sono previsti 144 euro al mese per ogni figlio minore di 1 anno;
  • per le famiglie con Isee superiore i 40 mila euro, sono previsti 96 euro al mese per ogni figlio minore di 1 anno.

Bonus mamma domani

Il bonus è stato riconfermato per il 2020, garantendo alle mamme un supporto economico per sostenere le spese connesse alla messa al mondo di un figlio. Si tratta di 800 euro erogati dall’Inps direttamente ai beneficiari, destinati alle madri che entrano nel settimo mese di gravidanza, oltre che a chi decide di adottare o prendere in affidamento un bambino. Possono farne richiesta tutti, indipendentemente dall’Isee, in quanto lo scopo del bonus è quello di incentivare e promuovere la nascita di figli.

Bonus asili nido

Il bonus asili nido è stato rinvigorito per il 2020. Si tratta di un contributo economico per quelle famiglie che hanno da sostenere le spese relative all’asilo nido dei propri figli. Il bonus sarà di:

  • 3 mila euro per i nuclei familiari con Isee fino a 25 mila euro;
  • 2.500 euro per i nuclei familiari con Isee fino a 40 mila euro;
  • 1.500 euro per le famiglie con Isee superiore i 40 mila euro

I genitori dovranno pagare le rette dell’asilo, ed in un secondo momento, saranno risarciti delle spese sostenute, grazie al bonus che sarà erogato ogni mese, con importi variabili.

Bonus cultura

Si tratta di una misura che si rivolge ai giovani maggiorenni, con lo scopo di diffondere la cultura ed il sapere, dando loro i mezzi economici per investire nella cultura. Il bonus può essere richiesto dai giovani che compiono 18 anni dal 1° gennaio 2020, e prevede un importo di 500 euro, che potranno essere spesi entro il 31 dicembre 2021. I giovani per richiedere questo bonus, dovranno avere 18 anni, risiedere sul territorio nazionale, mentre nel caso di giovani extracomunitari, questi devono possedere un permesso di soggiorno valido. Il bonus cultura permette di acquistare:

  • libri;
  • biglietti per cinema, teatro o spettacoli dal vivo;
  • abbonamenti a quotidiani, anche in formato digitale;
  • prodotti editoria audiovisiva;
  • musica registrata;
  • corsi di teatro, musica e lingua straniera;
  • accesso a musei, parchi naturali, siti archeologici e tanto altro ancora.

Assegno unico per i figli a carico

Nel 2021 entrerà in vigore quello che viene denominato come assegno unico per i figli a carico. Questo andrà ad inglobare tutti i bonus famiglia oggi presenti. Una misura di carattere universale, che sarà destinata a ciascun figlio dalla nascita fino a quando diventa adulto. Gli importi dell’assegno unico, variano a seconda dell’età dei figli:

  • per i bambini da 0 a 3 anni, sono previsti 400 euro al mese;
  • per i bambini tra 1 e 18 anni sono previsti 160 euro al mese;
  • per i ragazzi dai 18 ai 26 anni, sono previsti 80 euro al mese.

Per i redditi che vanno oltre i 100 mila euro, la misura sarà azzerata. Per i figli disabili, sono previste delle maggiorazioni di fino al 40%.

Ulteriori agevolazioni: carta famiglia e bonus seggiolini antiabbandono

La carta famiglia è stata riconfermata per il 2020. Si tratta di una tessera gratuita con validità di due anni, destinata alle famiglie numerose. Con questa carta è possibile usufruire di sconti su beni e servizi offerti da enti pubblici e privati. Potranno beneficiare di questa misura, le famiglie composte da cittadini italiani o appartenenti a Paesi dell’Ue, che siano regolarmente residenti in Italia, con almeno 3 figli a carico con età inferiore i 26 anni. La richiesta della carta va fatta da un solo genitore, mentre questa potrà essere usata da tutto il nucleo familiare.

Altro bonus è quello che si rivolge a chi acquista dispositivi antiabbandono per quanto riguarda il trasporto dei bimbi in macchina, fono al compimento di 4 anni di età. Sono previsti 30 euro di contributi per l’acquisto di ogni dispositivo antiabbandono, il tutto fino ad esaurimento fondi, che sono di 15,1 milione per l’anno 2019, 1 milione per l’anno 2020.

Il congedo di paternità

Dal 2020 è previsto un aumento dei giorni di congedo di paternità, che passa da 5 a 7. I neo papà potranno beneficiare anche in maniera discontinua del congedo di paternità, così come potranno beneficiare di tale misura anche i padri adottivi. Il congedo deve essere preso entro e non oltre i 5 mesi dalla nascita o arrivo del figlio in famiglia. Il dipendente che voglia usufruire del congedo parentale, dovrà farne domanda al datore di lavoro con un preavviso di almeno 15 giorni. Ed ancora, per i giorni di assenza da lavoro, per congedo di paternità, al soggetto spetta un’indennità giornaliera pari al 100% dello stipendio spettante durante la normale attività lavorativa. L’indennità è a carico dell’Inps.



CATEGORIES
Share This