Biglietti aerei più cari a partire da gennaio

Prezzi più alti per chi viaggia verso l'estero: il nuovo anno si apre all'insegna dei rincari anche negli aeroporti

Tra i rincari che bussano alla porta, ce n’è uno che rischia di compromettere ulteriormente la crescita del settore turistico. Dal primo gennaio, infatti, l’addizionale sui diritti di imbarco dei passeggeri aumenterà di 2,5 euro rendendo i biglietti aerei più cari. L’aumento, che riguarderà solo i voli internazionali, farà levitare la tassa (introdotta da più di 10 anni) fino a 9 euro, fatta eccezione per gli scali romani di Ciampino e Fiumicino dove arriverà a costare 10 euro. Con buona pace delle associazioni di categoria e di quelle a tutela dei consumatori.


A dare il via libera alla norma è stato un decreto interministeriale promosso dai dicasteri del Lavoro, dell’Economia e dei Trasporti. E per quanto il fine sia condivisibile – coi soldi ricavati dal “balzello” si andrà a rimpinguare un fondo speciale per gli ammortizzatori sociali destinati ai lavoratori del comparto aereo – a pagarne le spese saranno, come sempre, i viaggiatori. La tassa che grava su tutte le compagnie aeree si tradurrà, infatti, in un ulteriore rincaro dei biglietti.  

La misura non piace ad Assaeroporti“L’incremento dell’addizionale sui diritti d’imbarco dei passeggeri aerei, pari a 2,5 euro per passeggero, pur costituendo un atto dovuto ai sensi della legge Destinazione Italia – hanno osservato i gestori degli scali italiani – rischia di deprimere ulteriormente lo sviluppo del turismo“. Per non parlare del Codacons: “Si tratta di un balzello inutile e dannoso ha tagliato corto il presidente Carlo Rienzi – che comporta aggravi di spesa in un settore delicato come quello del turismo. I viaggiatori che partono da Fiumicino e Ciampino appaiono poi discriminati rispetto agli altri passeggeri, dovendosi sobbarcare 1 euro in più di spesa. Per tale motivo – ha annunciato Rienzi – il Codacons sta valutando le azioni legali da intraprendere contro l’incremento dell’addizionale comunale sui diritti d’imbarco”. 



CATEGORIES
Share This

COMMENTS