Avviare una coltivazione di funghi: informazioni e kit di supporto

Ecco come avviare una coltivazione di funghi. Le scelte da fare, le norme da rispettare, le dritte da seguire e il kit di supporto da scaricare..

Aprire una coltivazione di funghi, cioè una fungaia, può rivelarsi un’attività destinata a garantire guadagni consistenti, specialmente se viene abbinata a una distribuzione che, oltre ai fruttivendoli e ai negozi al dettaglio, include anche i grandi supermercati e i ristoranti, e magari una vendita diretta al consumatore finale, a km zero.


Come avviare una coltivazione di funghi

Avviare una coltivazione di funghi che generi una produzione ottimale richiede condizioni di temperatura e, soprattutto, di umidità che favoriscano la fruttificazione. Per quel che riguarda la temperatura, essa deve essere compresa preferibilmente tra i 14 e i 18 gradi; l’umidità, invece, deve attestarsi intorno all85%. Non c’è bisogno di calore diretto né di luce diretta, ed è sufficiente una luminosità normale (d’altra parte nei boschi i funghi crescono anche nelle zone più ombreggiate). Nella maggior parte dei casi, per le fungaie di dimensioni non considerevoli occorre acquistare i substrati che contengano al proprio interno le spore della specie di fungo che si intende coltivare, in maniera tale da ottenere un ciclo produttivo relativamente semplice e rapido.

I substrati, o ballette che dir si voglia, sono realizzati con un preparato che include, tra l’altro, gesso, crusca, paglia e altre sostanze. In base all’habitat che si forma, i tempi di produzione della fungaia permettono di vedere i primi risultati già dopo una decina di giorni; ogni substrato dopo la prima raccolta consente di ottenerne altre due o tre, in funzione della cura con cui esso è stato trattato e della sua qualità. Una volta esausto e non più in grado di favorire la produzione di funghi, il substrato può essere usato per concimare il giardino o l’orto, oppure venduto.

Come agire per coltivare funghi

Sono due le fasi operative di fondamentale importanza per coltivare funghi: la già citata preparazione dei substrati atti alla coltura e la produzione vera e propria dei funghi. Le fungaie a ciclo chiuso sono quelle che si occupano di tutti e due i momenti operativi, e in genere sono aziende di grandi dimensioni; chi invece vuole aprire una coltivazione di funghi da zero può, come detto, acquistare un substrato già pronto (anche perché la preparazione è costosa e impegnativa, e richiede continui investimenti che una attività di piccole dimensioni non può permettersi).

Quali funghi scegliere per la fungaia

Chiaramente, un aspetto essenziale è la scelta del fungo da coltivare: il Pleurotus e il Prataiolo sono, allo stato attuale, quelli più diffusi nel nostro Paese. Il Pleurotus rispetto al Prataiolo presenta una coltura più facile e comporta impianti meno costosi, ma si contraddistingue per un ciclo di coltivazione più lungo.

Costi e norme da rispettare per avviare una coltivazione di funghi

L’investimento iniziale per coltivare funghi si aggira tra i 15mila e i 20mila euro, denaro necessario per realizzare le serre attrezzate in cui i funghi dovranno crescere e per comprare il substrato necessario alla produzione; a tale cifra devono essere aggiunte, poi, le spese per il terreno, sia esso affittato o acquistato, ed eventualmente per le recinzioni. Occorre sapere che, dal punto di vista legislativo, la coltivazione dei funghi viene considerata attività agricola nel caso in cui si basi sull’impiego di strutture mobili o fisse; la tassazione viene inclusa nel reddito agrario a patto che la superficie destinata alla produzione non superi il doppio della superficie del terreno sul quale è realizzata la produzione stessa, secondo quanto previsto dal Dpr 917/1987 (articolo 32, lettera B, del Tuir). Se vi è una parte si produzione che supera questo limite, i proventi dell’attività (vale a dire il reddito di impresa) deve essere tassato su base forfetaria, come prescritto dall’articolo 56-bis comma 1 del Tuir.

Supporto:

Kit_Creaimpresa_Coltivazione_funghi

Per chi volesse un supporto per avviare una coltivazione di funghi ed avere info e consigli per avere finanziamenti, contributi a fondo perduto e agevolazioni pubbliche segnaliamo il Kit Creaimpresa: Come avviare una coltivazione di funghi (da noi valutato e ritenuto veramente valido).



CATEGORIES
TAGS
Share This

COMMENTS