Assumere manager con lo sconto: il progetto Manager to work

Assumere manager rimasti senza lavoro grazie ad uno sconto pensato appositamente dal Governo.Si tratta dell’obiettivo del  progetto Manager to work, ideato per far fronte alla crisi del mercato del lavoro, che ha colpito duramente anche i manager italiani e internazionali i quali, penalizzati dalla congiuntura sfavorevole, spesso si sono trovati ai margini del mondo professionale. Un aspetto questo, forse a volte un po’ troppo sottovalutato. Di qui l’intenzione, a firma del Ministero del Lavoro, di lanciare una nuova iniziativa che possa favorire la riallocazione di tali professionisti: Manager to work  punta infatti a permettere ai datori di lavoro di inserire risorse dalle elevate competenze professionali, mediante un corposo sconto sul costo iniziale di questo impiego di risorse umane.


 

Il bonus assunzioni legato ai manager viene destinato alle aziende (di grandi, medie e piccole dimensioni, operanti con almeno una sede in Italia), in maniera differenziata a seconda della tipologia di contratto di lavoro (con un tetto di 28 mila euro). Nell’ipotesi di una collaborazione a progetto, ad esempio, l’agevolazione potrà arrivare fino a un massimo di 5 mila euro, a patto che il compenso lordo annuo sia minimo di 42 mila euro, e che l’arco temporale del contratto non sia inferiore ai 12 mesi.

Tra gli altri requisiti che vengono indicati all’interno del bando che sancisce la disponibilità di tali stanziamenti agevolati, la necessità che i datori di lavoro presentino la dichiarazione “de minimis”, con la quale ribadiscono di non poter ricevere più di 200 mila euro in tre anni mediante gli strumenti agevolati. Per ottenere il bonus c’è tempo fino al prossimo 31 dicembre 2014. Le modalità di richiesta sono riconducibili all’utilizzo della piattaforma telematica posta a disposizione sul sito web di Italia Lavoro e, comunque, entro e non oltre i 45 giorni dalla data di assunzione per la quale il contributo è stato richiesto.

Per quanto concerne invece i lavoratori per i quali si può domandare l’agevolazione, si tratterà di ex dirigenti o quadri, in stato di disoccupazione, e in possesso alternativo di uno dei requisiti soggettivi tra:

  1. essere over 50
  2. rientrare nella categoria delle donne che non hanno un impiego retribuito da almeno 6 mesi
  3. essere residenti in Campania, Calabria, Sicilia o Puglia (ovvero, le Regioni Obiettivo convergenza) ed essere privi di impiego regolarmente retribuito da almeno sei mesi.

Segnaliamo altresì che il tetto massimo delle risorse stanziate per tale progetto ammonta a 9,7 milioni di euro, e che sul sito di Italia Lavoro – oltre che procedere con la fase di presentazione delle domande – sarà altresì possibile monitorare lo stato delle richieste.

 




CATEGORIES
Share This

COMMENTS