Aprire un outlet in franchising: come fare e lista dei migliori franchisor

Guida all’apertura di un outlet in franchising, con lista delle cose da fare, dei costi e delle migliori proposte disponibili.

Outlet è un termine che da qualche anno entrato nell’uso comune anche in Italia. Rispetto ad alcuni anni fa, quando era del tutto sinonimo di spaccio aziendale, l’outlet ha assunto caratteristiche proprie, diventando il modo per definire un negozio con merce di qualità a prezzo scontato. Perché quindi non scegliere questa tipologia di attività ed aprire un outlet in franchising? Ti spiego da dove partire.


Aprire un outlet in franchising: cosa intendiamo per outlet?

Nel linguaggio comune, un outlet è un punto vendita dove è possibile acquistare prodotti di diverso tipo a prezzi ridotti rispetto a quelli di listino. Per outlet intendiamo tuttavia sia il singolo negozio, sia i centri commerciali che raggruppano più outlet. I prodotti in vendita negli outlet sono i più disparati: si va dall’abbigliamento, agli accessori, passando per attrezzature e abbigliamento sportivo, cibo o prodotti per bambini.

Questi sono in realtà solo alcuni esempi di outlet; infatti potenzialmente ogni marchio e tipologia di prodotto si presta alla vendita con questa formula commerciale. Molto diffusi sono gli outlet monomarca, che vendono cioè i prodotti di un solo marchio. Tuttavia non sono rari nemmeno gli outlet multi-marca, che propongono quindi prodotti di brand diversi, talvolta accumunati per tipologia (ad esempio gli outlet di abbigliamento o di prodotti per la casa).

Come avrai capito il panorama degli outlet è molto variegato; la scelta dell’idea miglior per il tuo outlet in franchising dipende quindi dalle tue preferenze e dalla tipologia di merce che credi possa avere maggior successo nell’area in cui hai stai pensando di posizionare il tuo negozio. Tra qualche paragrafo ti indicherò alcune idee che ho trovato di recente per aprire un nuovo outlet in franchising. Ora però vorrei concentrarmi su un aspetto molto importante per un nuovo negozio e cioè la scelta dello spazio.

La scelta del negozio: dimensioni e collocazione

Partiamo dalle dimensioni: per aprire un outlet non ci sono dimensioni minime del negozio da considerare. Tuttavia tieni presente che potrebbe essere lo stesso franchisor a richiedere caratteristiche minime per il punto vendita. La metratura di cui avrai bisogno è molto variabile. Un fattore determinante è la tipologia di merce venduta. Se ad esempio l’outlet tratta prodotti di diverso tipo, dovrai necessariamente considerare negozi con metrature importanti e dotati di un magazzino sufficiente.

Per i prodotti meno ingombranti o facili da conservare, come ad esempio il cibo non deperibile, le metrature potranno essere molto inferiori, a partire da qualche decina di metri quadri. Se tratterai dell’abbigliamento, considera inoltre di avere spazio a sufficienza per esporre in modo adeguato i vestiti, e calcola anche alcuni metri quadri per i camerini o i salotti di prova.

Nel caso tu voglia invece aprire un outlet inteso come insieme di negozi, ovviamente la metratura che dovrai avere a disposizione sarà esponenzialmente maggiore. Tuttavia non considererò in questa guida la tipologia dell’outlet/centro commerciale, perché vorrei concentrarmi maggiormente sulle proposte di outlet in franchising, che molto spesso riguardano l’apertura di un singolo negozio, monomarca o multi-marca.

Quanto dovrò investire per aprire un outlet?

L’apertura di un outlet in franchising richiede un discreto capitale, che dipende in larga misura dal tipo di negozio che intendi aprire. Come vedrai nel paragrafo successivo, e richieste dei franchisor sono molto diverse tra loro, e variano sia in base alla tipologia del prodotto offerto sia ai servizi inclusi nell’investimento iniziale. Qualunque sia il settore, tieni presente che dovrai affrontare un investimento iniziale pari a circa 15.000 euro, a cui vanno sommati altri costi di impresa. Una somma di 20.000 euro è quindi un buon punto di partenza per un investimento adeguato.

Ecco un elenco delle spese necessarie che dovrai considerare:

  • Punto vendita: acquisto o affitto (più eventuale magazzino se sprovvisto)
  • Attivazione/allacciamento delle forniture (elettricità, internet/telefono, acqua, gas e rifiuti)
  • Fee di ingresso o quota richiesta dal franchisor (attenzione: valuta anche se la prima fornitura dei prodotti e l’arredamento sono inclusi o meno)
  • Costi delle pratiche burocratiche e tenuta della contabilità (commercialista)

Le migliori proposte per aprire un outlet in franchising

Adesso voglio illustrarti alcune idee che ho trovato per chi vorrebbe aprire un outlet in franchising. Come vedrai, sono piuttosto diverse tra loro. Oltre all’investimento iniziale, troverai indicazioni sulle dimensioni del punto vendita e alcuni punti importanti per ogni franchisor.

Griffe & Stock

Griffe & Stock è un outlet di abbigliamento in franchising specializzato nell’abbigliamento di marca. È presente con due diverse proposte: Griffe & Stock e Griffe & Stock Junior, specializzato nell’abbigliamento per bambini e ragazzi da 0 a 14 anni. Entrambe le proposte si basano su collezioni sempre in aggiornamento con la presenza di numerosi marchi sia per quanto riguarda l’abbigliamento uomo/donna sia per i negozi dedicati ai bambini. L’abbigliamento è affiancato da una proposta di accessori. Al momento conta più di 60 negozi in Italia, con prospettive di diffusione su tutto il territorio nazionale.

  • Investimento iniziale: 7.500 euro (più 15.000 per l’arredamento)
  • Caratteristiche punto vendita: a partire da circa 40 mq
  • Vantaggi: collezioni rinnovate con buona frequenza; offerta completa di abbigliamento; marchi noti.

boutique casa

Il marchio boutique casa è specializzato nella vendita di tessili per la casa. Propone prodotti con un elevato rapporto qualità/prezzo e realizzati dal marchio stesso. La ricerca sui materiali e per il design del prodotto finale è il punto di forza che contraddistingue questo marchio del made in Italy, che si differenzia quindi rispetto ad altre catene commerciali concorrenti nel settore dei tessili e della biancheria per la casa. La proposta per gli outlet in franchising comprende programmi di formazione costanti e forniture tempestive, con collezioni aggiornate con alta frequenza.

  • Investimento iniziale: 300 euro/mq (ad esempio 18.000 euro per 60 mq, merce esclusa)
  • Caratteristiche punto vendita: a partire da 60 mq (a seconda della collocazione)
  • Vantaggi: prodotti di alta qualità; formazione e assistenza continue; allestimento del punto vendita pre apertura.

Coffee Specialist

Coffee Specialist è un outlet in franchising specializzato nella vendita di caffè. Propone una gamma di prodotti completa, che va dal caffè in grani e macinato alle capsule compatibili con tutti i più noti sistemi. Offre inoltre una linea di capsule compostabili e biodegradabili, oltre ad una gamma di macchine da caffè, anche portatili. La proposta dell’outlet in franchising è focalizzata su prodotti a marchio Coffee Specialist e offre quindi il vantaggio di non avere concorrenza diretta. Mentre scrivo sono due le proposte disponibili: negozio o corner store, con la seconda destinata a negozi già avviati (purché non concorrenti diretti del marchio).

  • Investimento iniziale: variabile in funzione della formula scelta
  • Caratteristiche punto vendita: non richieste, sufficiente una porzione di negozio per le attività già esistenti
  • Vantaggi: assistenza completa per l’avvio dell’attività; formazione con strategia operativa creata dal marchio; programmi di marketing e comunicazione.

Sposa Modamilano

Sposa Modamilano è un outlet in franchising specializzato nella vendita di abiti da sposa e da cerimonia. Propone abiti delle più note marche a prezzi scontati, oltre ad accessori e calzature. È inoltre presente un’offerta di abiti da cerimonia/cocktail. I negozi sono presenti in diverse città italiane, con un progetto di espansione nazionale. La formula in franchising prevede l’allestimento del negozio secondo lo stile comune a tutti i punti vendita. Massima libertà del franchisee invece nella scelta dei prodotti; il franchisor non impone alcun vincolo sugli ordini né per il numero di capi né per i modelli.

  • Investimento iniziale: da un minimo di 8.000 euro (massimo 10.000 euro)
  • Caratteristiche punto vendita: a partire da 50 mq
  • Vantaggi: assistenza e consulenza telefonica continua; formazione in sede; possibilità di apertura del negozio su appuntamento.

L’Outlet del Kasalingo

L’Outlet del Kasalingo è una catena di negozi in franchising appartenente al gruppo Kasanova. I negozi propongono accessori, elettrodomestici ed oggettistica per la casa. L’Outlet del Kasalingo si differenzia rispetto alle altre insegne del gruppo per la presenza di prodotti scontati rispetto al prezzo di listino, con offerte temporanee rinnovate con elevata frequenza e prodotti di buona qualità. I negozi dell’outlet in franchising sono presenti in tutte le regioni d’Italia con concentrazione diversa, ma il gruppo è sempre alla ricerca di nuovi affiliati. La formula in franchising prevede un investimento importante, a fronte di fatturati medi annui elevati (anche sei volte l’investimento iniziale, secondo la stima media dichiarata dal franchisor).

  • Investimento iniziale: 90.000 euro (in media)
  • Caratteristiche punto vendita: superficie di circa 100 mq
  • Vantaggi: fatturato medio annuo elevato; fee di ingresso contenute (2.500 euro); allestimento del negozio chiavi in mano.

Quelle che ti ho appena descritto sono alcune idee per aprire un outlet in franchising. Continua a leggere le nuove guide e scopri altre proposte per la tua nuova attività imprenditoriale negli altri articoli del sito.



CATEGORIES
TAGS
Share This