Aprire un negozio di prodotti ortopedici

Quali sono i costi, ricavi e modalità di franchising per chi decide di Aprire un Negozio di Prodotti Ortopedici? Vediamolo

Aprire un negozio di prodotti ortopedici è, senza dubbio, una scelta imprenditoriale che può rivelarsi assai profittevole. In Italia l’età media della popolazione si sta alzando rapidamente con il conseguente aumento della richiesta di ortesi, stampelle, tutori, carrozzine, calzature ortopediche e tutto ciò che serve per favorire la deambulazione e, più in generale, alleviare le algie dell’apparato muscolare e scheletrico.


Aprire negozio di ortopedia

Cosa occorre per aprire un negozio di prodotti ortopedici?

Iniziamo col dire che non è obbligatorio possedere una specifica attestazione didattica (es. laurea in medicina o in infermieristica) per dare avvio a questo genere di attività commerciale, anche se è auspicabile una formazione professionale adeguata, magari conseguita attraverso esperienze pregresse o con corsi formativi. La strumentazione riguardante l’ortopedia, inoltre, è in rapida evoluzione: quindi è opportuno restare sempre aggiornati sull’argomento. Pur non essendo obbligatorio, conviene affiancare al negozio anche un laboratorio per la costruzione e la riparazione di articoli ortopedici, come i plantari, solo per fare un esempio.

Quanto costa aprire un negozio di ortopedia?

L’investimento iniziale non è banale, anche se è possibile effettuarlo gradualmente, reinvestendo i primi utili per migliorare i servizi offerti e gli articoli in inventario. Il locale non deve essere di grandissime dimensioni: sono sufficienti 60/80 metri quadri. Però occorre disporre di un magazzino, meglio se ampio, dove riporre l’attrezzatura. Gli arredi, invece, possono essere alquanto spartani, ma funzionali e accoglienti. Essendo un segmento merceologico assai specifico, non è necessario che il negozio si trovi in un’area di transito, ma comunque in una zona dotata di ampi parcheggi con alcuni posti auto dedicati ai portatori di handicap. Posizionarlo in prossimità di un ospedale potrebbe rivelarsi una mossa vincente. Si tratta, in ogni caso, di un investimento medio-alto, difficilmente inferiore agli 80/100 mila euro.

Quanto si può guadagnare con un negozio di prodotti ortopedici?

Un ritorno rapido dell’investimento è garantito, o quasi. Il gestore, tuttavia, dovrà offrire un cospicuo insieme di servizi, tipo l’esame computerizzato del passo, oppure il noleggio di stampelle e carrozzine, ma anche di altri articoli, per chi ha solo un momentaneo problema all’apparato locomotore. Un’idea vincente, oltre al già citato laboratorio ortopedico da affiancare all’esercizio commerciale, può essere quella della consegna a domicilio dei prodotti, anche perché chi ne ha necessità difficilmente potrà venire a prenderli in negozio (quindi l’investimento iniziale sale, dovendo acquistare un furgoncino). Un negozio di ortopedia, inoltre, può vendere un variegato insieme di articoli, come elettrostimolatori muscolari, busti e corsetti ortopedici, ausili antidecubito, apparecchi per ionoforesi, ultrasuoniterapia, magnetoterapia e molto, molto altro. Il gestore dovrà aver cura di stringere accordi con i centri di fisioterapia della zona, ma anche con quelli che si occupano di podologia. Ove possibile, è opportuno stringere convenzioni con l’Azienda sanitaria locale (Asl), cliniche private, case di cura per anziani ed eventualmente anche con gli uffici Inail di competenza.

Condizioni burocratiche per aprire un negozio di articoli ortopedici e sanitari

Si tratta di un normale esercizio commerciale, pertanto basta presentare la SCIA in Comune dopo aver chiesto e ottenuto la Partita Iva. Quindi occorre iscrivere l’attività presso il Registro delle Imprese della locale Camera di Commercio. Attraverso la cosiddetta “comunicazione unica”, da effettuarsi sempre presso la CCIAA, bisogna regolarizzare la propria posizione INPS e INAIL, oltre a quella di eventuali dipendenti.

Aprire un negozio di prodotti ortopedici in franchising

Molti articoli ortopedici, essendo realizzati con materiali altamente tecnologici, hanno un costo elevato e non sono molti i fornitori che prevedono l’opzione della merce in conto-vendita. Il rischio per il commerciante è di ritrovarsi con articoli che non riesce a vendere, ma il cui acquisto ha inciso notevolmente sul suo budget. Per questo motivo può essere intelligente aprire negozio di prodotti ortopedici attraverso il sistema del franchising. Non sono pochi i franchisor che operano in questo ambito e ciò significa che si tratta di un segmento di mercato in notevole espansione. L’investimento iniziale, tuttavia, anche in questo caso non è basso, ma il gestore avrà la sicurezza di essere seguito passo dopo passo nella sua avventura imprenditoriale, ricevendo una formazione accurata e continua, oltre a disporre di un gran numero di articoli in inventario. Molto chiara è l’offerta di Ortopedicasalus. Interessante è anche quella di Salute+Store che affianca al negozio di articoli ortopedici anche una parafarmacia (diversificazione del business). Il costo per assicurarsi i servizi di questo brand variano in base al pacchetto di affiliazione a cui si desidera accedere: si parte dal basic, passando per l’outlet (una formula innovativa in questo ambito) e si arriva al cosiddetto Titanium che prevede una consulenza a 360 gradi.

Supporto

Kit_Creaimpresa_Negozio_articoli_ortopedici

Se desiderate ricevere un supporto utile e consigli su come aprire un Negozio di Prodotti Ortopedici e Sanitari ed avere info sulle eventuali agevolazioni pubbliche, contributi o soluzioni di franchising, segnaliamo il Kit Creaimpresa (da noi valutato e ritenuto veramente valido): Come aprire un negozio di prodotti ortopedici e sanitari.



 

CATEGORIES
TAGS
Share This

COMMENTS