Amazon punta sui conti correnti insieme a JP Morgan

Niente ferma i giganti della tecnologia. Secondo le informazioni fornite dal The Wall Street Journal , Amazon avrebbe pensato di entrare nel retail banking.

Amazon vuole puntare sui conti correnti insieme a JP Morgan. Tuttavia, le banche tradizionali possono ancora dormire sonni tranquilli in quanto, per il momento, Amazon non desidera diventare una banca a tutti gli effetti, ma creare partnership per offrire ai propri clienti un servizio vicino a un conto corrente.


Amazon punta sul conto corrente

Amazon in trattativa con JP Morgan

Amazon è in trattative con importanti banche statunitensi come la JP Morgan per offrire ai clienti la possibilità di aprire conti correnti direttamente dal rivenditore online. Amazon offre già prestiti alle piccole e medie imprese attraverso una partnership con Bank of America e questo potrebbe essere un altro passo per espandere il proprio business. Il gruppo ha infatti contattato alcuni mesi fa diverse importanti banche, tra cui JP Morgan e Capital One, per offrire ai propri clienti un conto corrente. Amazon non ha intenzione di diventare una banca, la regolamentazione post-crisi renderebbe quasi impossibile una tale trasformazione, ma vuole invece costruire partnership con quelle esistenti. D’altra parte, la sua idea di base è quella di ridurre le tariffe applicate dalle grandi banche ogni volta che uno dei suoi clienti acquista sul suo sito pagando con una carta di credito.

Il progetto è ancora in fase di sviluppo, ma l’idea è quella di attirare un pubblico per lo più giovane senza un conto corrente bancario. Se i piani del gigante di Seattle giungeranno a compimento, Amazon continuerà a espandere segmenti di business, a conseguire risparmi sui costi e a fornire all’azienda informazioni sulle abitudini di spesa dei clienti. Oltre alla piattaforma online, ai supermercati Whole Foods, ai negozi Amazon Books e ai negozi Amazon Go, l’azienda offre anche hardware come  Kindles o Echo.

Amazon offrirà conti correnti: iniziativa in fase di sviluppo

L’iniziativa del gigante dell’e-commerce, tuttavia, è in fase preliminare e potrebbe non avere successo. Pochi dettagli sono stati dati sull’esatta natura del prodotto che Amazon vuole offrire. I clienti avranno mezzi di pagamento fisici, come carte e libretti degli assegni? Saranno in grado di effettuare pagamenti ad altri trader?

Lo scorso anno, il colosso americano ha annunciato di aver superato la soglia di 3 miliardi di dollari per prestiti concessi cumulativamente a più di 20.000 PMI dal lancio del suo programma di prestito Amazon creato nel 2011. Attraverso quest’ultima, l’azienda offre un servizio di prestito alle piccole imprese che utilizza la sua piattaforma di Marketplace per vendere i propri prodotti. All’inizio del 2017, la società di Seattle ha anche lanciato una carta di credito Visa per i suoi abbonati premium ed emessa da JPMorgan Chase.

La sua iniziativa non è la prima nello stesso settore. Come in Europa, le principali catene commerciali statunitensi hanno già messo alla prova l’idea di offrire servizi finanziari ai propri clienti, con scarso successo. La catena dei grandi magazzini Sears offriva persino servizi di intermediazione acquistando il broker Dean Witter negli anni ’80, prima di rivenderlo. Il gigante del supermercato Walmart aveva anche provato più di un decennio a  entrare in banca chiedendo una licenza , prima di dover tornare indietro.

Amazon vuole ridurre le spese sanitarie

A riguardo delle spese sanitarie, Amazon ha già stretto una partnership con JP Morgan Chase, insieme a Berkshire Hathaway, la società di investimenti del miliardario Warren Buffett, per sviluppare un’offerta per tutti i dipendenti per ridurre i costi di accesso all’assistenza sanitaria. Nel paese dello zio Sam, la spesa per l’assistenza sanitaria cresce ogni anno, al punto che sta crescendo più rapidamente dell’inflazione. L’anno scorso questa spesa ha rappresentato il 18% dell’economia americana. Di fronte a questo, le aziende, che istituiscono piani di assistenza sanitaria per oltre 160 milioni di americani, e il governo stanno cercando di agire a riguardo per ridurre questi costi. Agli occhi di Jeff Bezos e Warren Buffett, c’è un urgente bisogno di ridurre i costi di assicurazione dei dipendenti e offrire un’offerta migliore in questo settore. “Gli enormi costi dell’assistenza sanitaria sono come la tenia affamata sull’economia statunitense“, ha dichiarato Warren Buffett, CEO di Berkshire Hathaway.





 

CATEGORIES
TAGS
Share This

COMMENTS

Wordpress (0)