Al via il leasing immobiliare: se la casa la compro come un’auto

L'intermediario finanziario acquisterà l'immobile che, dopo un periodo di "affitto" più o meno lungo, potrà essere riscattato

La Legge di Stabilità – che non è ancora approdata in Aula – fa già parlare di sé. Stando alle indiscrezioni filtrate, infatti, gli “aggiustamenti” apportati in commissione Bilancio alla Camera daranno il là a lunghe discussioni parlamentari. Tra le novità, quella del leasing immobiliare che permetterà, in pratica, anche ai privati di acquistare la casa, dopo un periodo di “affitto” più o meno lungo. Un meccanismo a cui – come è noto – si fa già ampiamente ricorso quando ci si vuole mettere al volante di un’automobile per cui non si è disposti a pagare l’intero importo (molto spesso perché non si è nella condizione di farlo). E che anche alcuni imprenditori italiani hanno già sfruttato per avviare le loro attività.


Se l’emendamento della Legge di Stabilità incasserà il “disco verde” in Aula, chiunque progetti di abitare in una casa tutta sua, ma non dispone delle risorse necessarie a comprarla, potrà dunque accedere al leasing immobiliare. Un intermediario finanziario acquisterà l’immobile, l’utilizzatore corrisponderà un canone mensile (pagherà cioè una sorta di affitto) e, dopo un periodo più o meno lungo, potrà riscattarlo.

Ma non si tratta dell’unica novità: stando a quanto filtrato, infatti, la no-tax area (ovvero l’area di esenzione) per i pensionati verrà ampliata. A non pagare l’Irpef saranno sia i pensionati fino a 75 anni con un reddito massimo di 7.750 euro sia gli over 75 che arrivano a 8 mila euro annui. E a godere di un inaspettato “aiuto” dovrebbero essere anche i collaboratori momentaneamente a riposo. La Finanziaria dovrebbe, infatti, prevedere una proroga della Dis-Coll: l’indennità di disoccupazione per i lavoratori con rapporto di collaborazione coordinata e continuativa e a progetto. I fondi che, secondo quanto riferito in un primo momento, dovevano riguardare solo il 2015 verranno – a quanto pare – erogati anche nel prossimo biennio. Nel dettaglio: il Governo dovrebbe stanziare 54 milioni di euro per il 2016 e 24 milioni per il 2017.



CATEGORIES
Share This

COMMENTS