Abbonamento del treno gratis Emilia Romagna: info utili e modalità per averlo

Un mese di spostamenti gratuiti: è questa la "ricompensa" che i pendolari abbonati a Trenitalia e Tper riceveranno dalla Regione Emilia Romagna per i troppi disagi subiti

Così come avvenuto nel 2013, la Regione torna a chiedere scusa ai pendolari che hanno subito disagi e disservizi per tutto il 2015 riproponendo l’operazione abbonamento del treno gratis Emilia Romagna. Si tratta di un’iniziativa che il governo regionale ha scelto di replicare come forma di risarcimento per i troppi “disguidi” subiti dai viaggiatori costretti a spostarsi periodicamente per raggiungere il luogo di lavoro. Per chiedere venia dei ritardi o delle cancellazioni annunciati o dei sistemi di climatizzazione che raramente hanno funzionato come avrebbero dovuto.


L’operazione abbonamento del treno gratis Emilia Romagna – che, lo precisiamo sin da ora, scatterà a maggio 2016 e durerà solo un mese – costerà alla Regione qualcosa come 2,5 milioni di euro. Risorse che verranno reperite attingendo dai soldi “racimolati” con le sanzioni applicate ai trasgressori (tra tutti, coloro che hanno osato salire sul treno sprovvisti di biglietto). A godere di un mese di spostamenti regionali gratuiti saranno sia i pendolari che percorrono le tratte servite da Trenitalia che quelli abbonati con Tper. Dal 24 aprile al 30 giugno 2016, potranno ritirare il loro bonus nelle biglietterie delle imprese ferroviarie, portando ovviamente con sé gli abbonamenti.

Nello specifico: chi presenterà almeno due abbonamenti mensili emessi tra gennaio e aprile 2016, potrà usufruire di un mese di treno gratis a maggio. Esattamente come coloro che mostreranno i loro abbonamenti annuali. Uniche eccezioni, gli abbonamenti annuali “Mi Muovo” venduti da Tper, per i quali ci si dovrà rivolgere alle biglietterie di Trenitalia, e gli abbonamenti mensili “Ferrobus” di Tper per l’area bolognese per i quali consigliamo agli utenti di informarsi presso gli appositi sportelli.

“Questo mese di abbonamento – ha spiegato l’assessore ai Trasporti dell’Emilia Romagna, Raffaele Doniniè un risarcimento doveroso per i disagi subiti dai pendolari della regione, con particolare riguardo al malfunzionamento degli impianti di climatizzazione. Si tratta di una compensazione parziale perché solo con mezzi nuovi il servizio potrà fare realmente quel salto di qualità che è un diritto per gli utenti e una priorità per noi. Per questo, in attesa del radicale rinnovo del parco rotabile previsto dalla gara – ha concluso l’assessore Donini – stiamo lavorando per mettere in servizio materiale nuovo anche in questa fase transitoria”.



CATEGORIES
Share This

COMMENTS