4 consigli per essere organizzati nella ricerca di un lavoro

Ordine, lucidità e giusta predisposizione mentale: per trovare un impiego, occorre essere organizzati

La frase suona un po’ ad effetto, ma in fondo esprime un’inconfutabile verità: cercare lavoro è – di per sé – un lavoro. Che deve essere svolto con metodo ed impegno. Passare in rassegna gli annunci su internet non basta: per ottenere qualche risultato, occorre fare ben altro. E non illudetevi che inviare il curriculum o una buona lettera di presentazione equivalga a procurarvi – in automatico – un colloquio di lavoro. La platea di persone che, come voi, stanno cercando di “rimettersi in carreggiata” o si stanno proponendo, per la prima volta, al mercato occupazionale è amplissima e i selezionatori dovranno (inevitabilmente) scontentare o deludere qualcuno. Ma non demoralizzatevi troppo: per quanto la concorrenza sia elevata, la possibilità che riusciate ad ottenere risultati soddisfacenti esiste eccome. Soprattutto se studierete ogni mossa con criterio e vi convincerete che, quando si cerca un lavoro, l’organizzazione è la base da cui partire.

4 consigli pratici per organizzare la vostra ricerca del lavoro

#1. Fate le scelte giuste. Partiamo col dire che serve innanzitutto organizzazione mentale. Selezionate con cura le offerte di lavoro e candidatevi solo a quelle che fanno al caso vostro. Quando si cerca lavoro, si è presi dall’ansia di trovare qualcosa e si rischia di perdere lucidità. Gli annunci che scoverete sul Web e sulle testate specializzate o le segnalazioni che vi arriveranno da conoscenti o amici vanno vagliate con attenzione. Il rischio di inviare il curriculum per una posizione non idonea (o che magari non vi interessa) deve essere scongiurato perché collezionare una serie di rifiuti potrebbe predisporvi negativamente ed abbattervi psicologicamente. Dedicate il giusto tempo e la giusta attenzione alla scelta delle offerte che aderiscono bene alle vostre competenze, alla vostra esperienza e alle vostre aspirazioni.

#2. Annotate tutto. Una volta individuate le offerte di lavoro a cui volete candidarvi, lasciate traccia di ogni cosa. Il consiglio è quello di predisporre un foglio Excel o un semplicissimo Word dove annotare tutto: la posizione a cui vi state candidando, il nome dell’azienda, il contatto della persona di riferimento (è quasi sempre il responsabile della selezione del personale), la data in cui avete inviato il cv e la lettera di presentazione, quella in cui è stato fissato il colloquio di lavoro e l’eventuale esito. Mettere tutto nero su bianco vi aiuterà ad avere il quadro chiaro di quello che state facendo e di come le cose si stanno evolvendo. L’organizzazione su cui dovete investire, quando siete impegnati a cercare lavoro, passa anche da questo.

#3. Sfruttate la tecnologia. Viviamo in un’epoca di iper-connessione e disponiamo di dispositivi che possono aiutarci a organizzare meglio le nostre giornate: perché non utilizzarli a nostro vantaggio? Se avete un account gmail, potete fare affidamento su “Google Drive”, il cloud che permette di archiviare file di ogni tipo (documenti, foto, video, audio) e di condividerli con chiunque vogliate. Per non parlare di “Google Calendar”, l’applicazione che consente di segnare, su un calendario digitale, le date più importanti – quelle in cui avete pianificato di inviare una candidatura o concordato un colloquio di lavoro – in modo da non dimenticarle. Sono solo due esempi: i siti, le applicazioni e i widget che possono aiutarvi a cercare lavoro sono davvero tantissimi. Individuateli e sfruttateli al meglio.

#4. Fatevi trovare pronti. L’organizzazione deve andare a braccetto con la preparazione. Cosa vuol dire? Che una volta fatte tutte le cose che è opportuno fare per ottimizzare la ricerca di un impiego, occorre arrivare pronti al fatidico appuntamento. Documentatevi bene sull’azienda, sulla posizione che vorreste ricoprire e presentatevi in forma smagliante. Curate il look, siate empatici e mostratevi affidabili e composti. Cercare lavoro è un “lavoro da duri”, ma con la giusta organizzazione, il risultato – prima o poi – arriverà. A patto che non trascuriate dettagli importanti e vi approcciate, in maniera serena e collaborativa, alle persone che incontrerete lungo il tragitto.



CATEGORIES
TAGS