I 3 errori assolutamente da evitare quando hai iniziato a lavorare da poco

Ci sono errori che un giovane al suo primo lavoro deve assolutamente evitare.

Certamente oggi, per un giovane, non è facile trovare lavoro. Ma chi ha avuto questa fortuna deve comunque essere in gamba nel giocarsi le sue carte nel modo migliore. Per questo noi di Bianco Lavoro abbiamo raccolto i suggerimenti relativi a 3 errori che un giovane da poco entrato entrato nel mondo del lavoro deve assolutamente evitare per dare, da subito, la giusta impronta alla sua carriera.


British young graduate getting ready for first day new job and starting career in legal profession London UK

I 3 errori assolutamente da evitare quando hai iniziato a lavorare da poco

 

#1. Fermarsi troppo a lungo nello stesso posto di lavoro

Recenti studi hanno dimostrato che chi cambia lavoro ogni 2 anni sviluppa il doppio delle competenze di chi non ha mai cambiato posto di lavoro. In qualche modo si tratta di fare di necessità virtù, visto il mercato del lavoro estremamente flessibile e privo di certezze di questi anni. Allo stesso tempo però, cambiare lavoro relativamente spesso è anche un sintomo di ambizione e voglia di imparare. Ciò significa che avrai più competenze e questo ti renderà più appetibile per possibili datori di lavoro futuri.

Insomma, la flessibilità ha il drammatico effetto collaterale di non dare certezze. Ma puoi comunque sfruttare questi tempi incerti per crearti un curriculum vitae pieno di esperienze e competenze: una mossa che sul lungo periodo certamente pagherà.

 

#2. Non abbandonare un cattivo capo

Il “tappo” che blocca molte carriere è un cattivo capo. Purtroppo non sempre i capi capiscono che maggiore è la serenità dei loro sottoposti e maggiore sarà la loro resa. A volte è praticamente impossibile andare d’accordo con il proprio superiore.

Per chi lavora da poco i primi anni di carriera sono fondamentali per indirizzare quelli successivi. Per questo rimanere appiccicati ad un capo che rende impossibile la crescita lavorativa dei propri sottoposti può rivelarsi fatale per un lavoratore alle prime armi, che deve imparare in fretta quando un posto di lavoro è diventato troppo “stretto”.

#3. Specializzarsi troppo

Un altro errore molto comune è quello di specializzarsi troppo in un settore, imparando molto di un piccolo segmento lavorativo. Insomma, diventare espertissimi di qualcosa che un domani, disgraziatamente, potrebbe non servire più a nessuno.

Ovviamente non è sempre possibile imparare tutto di tutto, anzi sono davvero pochi i capi che incoraggiano una visione “aperta” rispetto al lavoro e non una specializzazione. Però ciò che conta è l’attitudine del lavoratore, la voglia di ricavarsi comunque del tempo per imparare cose nuove, cose che davvero un domani potranno fare la differenza. Un lavoratore in gamba è un ottimo investimento, ma un lavoratore duttile lo è di più.



CATEGORIES
Share This

COMMENTS