100 posti di lavoro in Germania per educatrici, maestre e assistenti sociali

Educazione e Formazione: due concetti che viaggiano di pari passo registrando un crescente consenso da parte dei giovani italiani. Sempre più spesso infatti, le nostre tanto acerbe quanto preziose risorse umane ripongono speranze e possibilità future di carriera in questi settori e seguono percorsi di studi finalizzati a formare varie figure professionali quali: insegnanti, educatori, assistenti sociali e pedagogisti.

Purtroppo le strutture pubbliche e private site in Italia versano in condizioni economiche molto critiche e sembrano non riconoscere adeguati sbocchi professionali a questo crescente plotone di giovani professionisti volenterosi di mettersi in gioco.

Situazione diametralmente opposta invece, quella prospettata dal versante estero, in cui le professioni di educatori e insegnanti, oltre ad essere sempre più apprezzate e ricercate, si vedono riconoscere anche delle remunerazioni ben diverse da quelle offerte dal mercato italiano.

 Quelli appena esposti non sono concetti fondati su meri dati statistici, bensì sono affermazioni avvalorate e confermate dalla moltitudine di offerte di lavoro che periodicamente provengono dall'estero. Questa è la motivazione che si pone all'origine dell'incessante transumanza di forza lavoro italiana. Ogni anno, infatti, migliaia di giovani connazionali, seppur dotati di un alta formazione, non riescono a realizzarsi nel territorio italiano e loro malgrado, si vedono costretti a trasferirsi all'estero in cerca di un riconoscimento professionale ed economico che nel Paese di origine gli viene negato. L'ennesima proposta lavorativa estera, proviene da Eures: la famosa rete per la mobilità professionale europea che assicura il posto di lavoro a 100 figure professionali operanti nel settore dell'educazione e della formazione. I posti saranno suddivisi tra: educatori, maestre d'asilo nido e materna, assistenti sociali e pedagogisti e la sede di lavoro sarà ubicata nel territorio tedesco.

Quali sono i requisiti richiesti per proporre la propria candidatura

Questi operatori professionali, oltre a prendersi cura dei bambini loro affidati, dovranno essere in grado d'interagire con i genitori dei piccoli e con i propri colleghi esteri. I candidati quindi dovranno essere in grado di sostenere un colloquio in lingua tedesca o in inglese. Questo è il requisito fondamentale che i soggetti interessati alle varie posizioni dovranno dimostrare di possedere, unitamente all'idonea formazione professionale acquisita mediante un adeguato percorso di studi.

Condizioni contrattuali offerte ai candidati prescelti

Per quanto riguarda il trattamento economico, ai soggetti prescelti sarà riconosciuto un salario mensile pari a 2.200 euro lordi e saranno inquadrati con contratti full-time a tempo determinato e indeterminato.

Termini e modalità di presentazione della richiesta di candidatura

Per inviare le domande di partecipazione alle selezioni ci sarà tempo fino al 30 giugno 2012 e le richieste di candidatura (in lingua tedesca) dovranno essere inviate all'indirizzo di posta elettronica incoming4@arbeitsagentur.de specificando in oggetto la posizione per cui ci si candida. Un altro elemento da specificare nell'oggetto della e-mail è il riferimento “Eures Puglia”. Infatti, anche se le selezioni sono completamente gestite dall'azienda di servizi per l'impiego tedesca, la sezione italiana fa riferimento alla rete Eures Puglia.

Bianco Lavoro ® Euspert Network © Attribution (CC BY 2.5 IT)


Fai "Mi Piace" per seguirci su Facebook, non te ne pentirai!