Bianco Lavoro

news, orientamento ed offerte di lavoro

Gio04172014

Last updateMer, 16 Apr 2014 7pm

Roma: 60 assunzioni nella ristorazione per le canonizzazioni

Roma: 60 assunzioni nella ristorazione per le canonizzazioni

In questo periodo sono disponibili numerose opportunità di...

Lavorare nei villaggi Bluserena: posizioni aperte stagione 2014

Lavorare nei villaggi Bluserena: posizioni aperte stagione 2014

Per la nuova stagione estiva 2014 sono disponibili numerose...

Lavorare in Euronics: offerte per addetti vendita, capi reparto e direttori negozio

Lavorare in Euronics: offerte per addetti vendita, capi reparto e direttori negozio

Da Euronics sono disponibili nuove opportunità di lavoro pe...

Lavorare in banca UniCredit: offerte di stage area Amministrazione e Risorse Umane

Lavorare in banca UniCredit: offerte di stage area Amministrazione e Risorse Umane

Interessanti sono le opportunità di stage per chi vuole ins...

Lavorare in aeroporto Roma Fiumicino: 25 posti al Duty Free

Lavorare in aeroporto Roma Fiumicino: 25 posti al Duty Free

All’interno dello scalo aeroportuale di Roma Fiumicino sono...

Offerte di Lavoro

Lavorare in Simply Market: offerte per Direttori punto vendita e Capi settore

Lavorare in Simply Market: offerte per Direttori punto vendita e Capi settore

Simply Market offre diverse opportunità di inserimento nei propri negozi. L’azienda è un’insegna del...

Lavorare in Carpisa: posizioni aperte per addetti vendita

Lavorare in Carpisa: posizioni aperte per addetti vendita

Carpisa è alla ricerca di nuovo personale per i propri punti vendita. L’azienda è ormai diventata lead...

Lavorare nelle Assicurazioni: 6 offerte di stage per laureati in AON

Lavorare nelle Assicurazioni: 6 offerte di stage per laureati in AON

Se siete interessati a lavorare nelle assicurazioni , Aon offre al momento sei interessanti offerte di...

Lavorare in Esselunga, posizioni aperte nei negozi e negli uffici

Lavorare in Esselunga, posizioni aperte nei negozi e negli uffici

In Esselunga, tra le principali catene italiane attive nel settore della grande distribuzione , sono d...

Addetti ai lavori

Cerco Agenti di Commercio: Bianco Lavoro ti viene incontro

Cerco Agenti di Commercio: Bianco Lavoro ti viene incontro

La ricerca di Agenti di Commercio e Venditori è certamente tra le più difficili e delicate. Non è un...

Candidature più mirate, grazie alla schedatura

Candidature più mirate, grazie alla schedatura

Se sei un'azienda, un recruiter o una società di selezione, devi sapere che Bianco Lavoro da la poss...

Raccomanda un amico valido in azienda e ti pago un bonus: sistema vincente in Europa

Raccomanda un amico valido in azienda e ti pago un bonus: sistema vincente in Europa

Spesso capita che quando un'azienda ha necessità di assumere una nuova figura professiona...

Offerte di lavoro ben indicizzate sui motori di ricerca

Offerte di lavoro ben indicizzate sui motori di ricerca

(contenuto integralmente tratto dal libro "Il Reclutamento ai tempi del web" - di Marco Fattizzo - e...

Professioni

Lavorare come temporary manager: un contributo per l'inserimento

Lavorare come temporary manager: un contributo per l'inserimento

La Regione Veneto vuole favorire la competitività delle imprese promuovendo l'impiego di professionali...

Avvocato specialista: chi è e cosa fa

Avvocato specialista: chi è e cosa fa

Q uella dell’ avvocato specialista è una nuova figura professionale che è stata introdotta dal regolame...

Lavorare con il link building: senza un sito internet, guadagnare con quelli degli altri

Lavorare con il link building: senza un sito internet, guadagnare con quelli degli altri

Oggi vogliamo parlarvi di una grande opportunità di guadagno presente sulla rete Internet che in poch...

La professione appagante del presente e del futuro: il mental coach

La professione appagante del presente e del futuro: il mental coach

Tra le nuove professioni che si stanno sviluppando in questi anni in Italia, c’è quella del mental co...

Lavorare in proprio

Gli imprenditori del futuro? Formazione fin dagli 8 anni

Gli imprenditori del futuro? Formazione fin dagli 8 anni

In America è boom di corsi di formazione e seminari che insegnano a diventare imprenditori , ai bambini . ...

Cosa è il coworking: lavorare e fare network è la scommessa del futuro

Cosa è il coworking: lavorare e fare network è la scommessa del futuro

Lavorare in to tale autonomia, senza nessuno da cui dipendere ma con tanti colleghi brillanti e moti v...

Aprire una Partita Iva 2014

Aprire una Partita Iva  2014

Per poter efficacemente realizzare la propria attività, lavoratori autonomi e imprenditori hanno la ...

Startup digitali: arriva il contest d'idee GoToWeb Talent

Startup digitali: arriva il contest d'idee GoToWeb Talent

Iscrizioni aperte ancora fino al 15 aprile per partecipare alla seconda edizione di GoToW eb Talent , il...

Orientamento Lavoro

I 9 mestieri migliori che non richiedono alcun titolo di studio

I 9 mestieri migliori che non richiedono alcun titolo di studio

L’ultimo studio della Cgia (Associazioni di Artigiani di Piccole Imprese) di Mestre offre una speranza c...

I lavori che non ti renderanno mai un disoccupato nonostante la crisi

I lavori che non ti renderanno mai un disoccupato nonostante la crisi

La crisi economica ha generato milioni e milioni di nuovi disoccupati: il 10,6% della popolazione nei ...

Lauree in materie umanistiche: nuovi sbocchi professionali

Lauree in materie umanistiche: nuovi sbocchi professionali

Le materie umanistiche continuano a riscontrare un enorme numero di iscritti all’università in proporzio...

Il capo non risponde alle mail, che fare?

Il capo non risponde alle mail, che fare?

Prima di inviare una e-mail al proprio capo c’è sempre un po’ di apprensione. Figuriamoci dopo, se e q...

Bandi e concorsi

Concorso di idee per Expo 2015 dalla Provincia di Bergamo

Concorso di idee per Expo 2015 dalla Provincia di Bergamo

Interessante iniziativa lanciata dalla Provincia di Bergamo - Settore agricoltura ed Expo - per quanto a...

Concorsi per Istruttori Direttivi, area tecnica

Concorsi per Istruttori Direttivi, area tecnica

Presso il Comune di Como sono stati indetti due concorsi pubb lici , per la copertura di 2 posti di “Ist...

Mobilità internazionale: 37 borse di studio dall’Arces

Mobilità internazionale: 37 borse di studio dall’Arces

Il Collegio Universitario Arces sta promuovendo, nell’ambito del Lifelong Learning Programme, il pro...

Concorso per Assistenti Sicurezza, Parlamento Europeo

Concorso per Assistenti Sicurezza, Parlamento Europeo

L'Ufficio europeo di selezione del personale ( EPSO ) ha aperto un concorso, per titoli ed esami, al f...

Blog - opinioni e pensieri

Amazon: 5000 dollari a chi lascia il posto di lavoro

Amazon: 5000 dollari a chi lascia il posto di lavoro

Pagare i dipendenti per lasciare il loro posto di lavoro , anche 5000 dollari. Potrebbe sembrare la s...

Svezia: si lavorerà 6 ore al giorno invece di 8 ed alla stessa paga

Svezia: si lavorerà 6 ore al giorno invece di 8 ed alla stessa paga

L’Europa del Nord come al solito, e la Svezia in particolare, si distinguono per scelte e situazioni di...

Fare la spesa nei Social Market: cosa sono e dove si trovano in Italia

Fare la spesa nei Social Market: cosa sono e dove si trovano in Italia

I Social Market sono dei supermercati in cui si vendono prodotti, di genere alimentare e non, a prezzi...

In bici al lavoro? Grazie, anche no. Per dieci motivi

In bici al lavoro? Grazie, anche no. Per dieci motivi

Andare al lavoro utilizzando la bici pare non sia tra le abitudini preferite dagli inglesi. E sono be...

Esperto risponde

Licenziata a 50 anni, cosa posso ottenere legalmente?

Licenziata a 50 anni, cosa posso ottenere legalmente?

richiesta parere pervenuta alla sezione Esperto Risponde di Bianco Lavoro

Sono stata licenziata per gi...

L'agenzia di promotion non paga, come comportarsi?

L'agenzia di promotion non paga, come comportarsi?

richiesta parere pervenuta alla sezione Esperto Risponde di Bianco Lavoro

Sono un promoter. Quando le ...

La foto sul CV è sempre importante?

La foto sul CV è sempre importante?

richiesta parere pervenuta alla sezione Esperto Risponde di Bianco Lavoro...

Poker online durante la malattia, mi possono licenziare?

Poker online durante la malattia, mi possono licenziare?

Formazione

Studio e Lavoro in Irlanda (per residenti a Chivasso)

Studio e Lavoro in Irlanda (per residenti a Chivasso)

Studiare e lavorare all’estero con ENAIP Piemonte. E’ un’opportunità offerta dal PROGETTO “PASSPORT ...

Corso di Formazione Agenti dei Calciatori 2014

Corso di Formazione Agenti dei Calciatori 2014

Al via il 5° Corso di preparazione all’esame di Agenti dei Calciatori 2014 - Roma 14 Febbraio - 8 Ma...

Aprire Partita Iva: come fare e quando conviene




Se pensi che questo contenuto possa interessare anche
i tuoi amici, condividilo:




OkNotizie

 



 

Se il nostro sogno è quello di metterci in proprio, aprire un negozio, un’impresa, un’attività tutta nostra dobbiamo aprire la Partita Iva.

Allo stesso modo, dobbiamo aprirla se esercitiamo in maniera autonoma come avvocati, medici, architetti e in generale se siamo dei liberi professionisti.

Ma che cos’è la partita Iva e soprattutto, come si apre e a che serve? Conviene aprirla? Rispondendo alla prima domanda, la partita Iva è fiscalmente parlando, l’imposta sul valore aggiunto disciplinata dal DPR 633/72 sulla cessione di beni, prestazione di servizi eseguite in Italia, che consiste in una serie di cifre diverse per ogni possessore.

 

In pratica è una tassa sui beni e sui servizi che occorre pagare allo stato.

Al possessore di partita Iva il consumatore paga quindi una percentuale del 20% sul bene o sul servizio acquistato.

L’aliquota del 20% è la più diffusa ma ci sono anche aliquote al 4% che riguardano soprattutto le attività di stampa, legatorie, su libri, periodici, giornali, canone di abbonamento e anche un’ aliquota del 10% che è applicata sui medicinali, acqua, birra, spettacoli teatrali.

L’Iva dei possessori di Partita Iva viene data al fisco per le tasse e viene compensata con l’Iva pagata ai fornitori per acquistare beni e servizi.

Come aprirla? Ci sono diversi modi per aprire la Partita Iva. Tramite commercialista, pagando una somma di denaro si apre subito. Presso la Camera di commercio, praticamente gratis. Presso L’ufficio IVA o l’Ufficio delle entrate di competenza in base al proprio domicilio fiscale si deve compilare una dichiarazione entro 30 giorni dall’inizio dell’attività o della costituzione di una società usando i seguenti modelli: il modello AA9/7 valido per un attività autonoma e individuale; il modello AA7/7 per la forma societaria. I regimi contabili variano a seconda del volume d’affari che in quel momento si prevede di registrare o che effettivamente si registra, si può infatti scegliere un tipo di contabilità forfetaria che è appunto a forfait, mentre la contabilità ordinaria è più complessa e richiede l’assistenza di un consulente per le varie mansioni legate alle incombenze fiscali. Per inciso, se non si fattura nulla, non si paga nulla.

Quando ad un lavoratore viene chiesto di aprire la Partita Iva, questi deve iscriversi, per avere dei contributi pensionistici, alla Gestione separata INPS e deve versare mensilmente un contributo di 23,50%, oltre ad assicurarsi all’Inail. Tutto questo, al lavoratore da diritto all’ indennità di maternità, l’ indennità di malattia (solo in caso di ricovero ospedaliero) e all’assegno per il nucleo familiare. Invece i professionisti iscritti all’Albo professionale non devono seguire questa procedura ma possono aprire, ad esempio, ai fini contributivi, una pensione integrativa.

Ma conviene? Possedere una Partita Iva, comunque, comporta si la libertà di esercitare la propria professione liberamente, ma anche notevoli costi fiscali rispetto a contratti come quello di collaborazione occasionale e continuativa poiché il possessore di Partita Iva ha l’obbligo di pagare i 2/3 di quello che guadagna al lordo di previdenza invece di 1/3 come stabilito per i contratti di collaborazione coordianata e continuativa, deve poi pagare l’Irap, ovvero l’imposta regionale sulle attività produttive e affidarsi ad un commercialista che va pagato mensilmente, per gestire la contabilità.

Che si voglia quindi aprire un negozio, un’agenzia, un bar, un’attività qualsiasi in proprio, da autonomo o libero professionista iscritto all’Albo o meno ( non tutte le professioni hanno un ordine professionale come medici, architetti, paesaggisti, conservatori, chimici, ingegneri, farmacisti, biologi, giornalisti, avvocati, commercialisti, ecc) deve aprire la Partita Iva ai fini fiscali e ogni anno la dichiarazione dei redditi sarà fatta in base anche alle fatture emesse. Gli ordini professionali, che in Italia qualcuno vorrebbe abolire, discendono addirittura dalle corporazioni medievali e dovrebbero essere garanzia di serietà e professionalità, dal momento che sono soggetti a revisioni contabili e controlli, devono sottoscrivere un codice deontologico e la loro appartenenza all’ordine garantisce che chi abusa di posizione dominante sia espulso e punito con il carcere.

Inoltre la Legge Bersani dell’ agosto 2006 n. 248 di conversione, con modifiche, del d.l. 4 luglio 2006 n. 223, ha previsto una liberalizzazione delle tariffe professionali per evitare pratiche anticoncorrenziali nel mercato. In sintesi, il possessore di Partita Iva nell’esercizio della sua attività deve adempiere, in ordine, alle seguenti operazioni : emissione di fattura , registrazione, detrazione, liquidazione, versamento e dichiarazione periodica dell'IVA, dichiarazione annuale dell'IVA con il Modello UNICO o Separata. Per i commercianti che vendono al minuto va emesso un regolare scontrino in cui sarà indicato il Numero della Partita Iva e il Codice fiscale.

Le fatture devono essere poi registrate e annotate in un apposito Registro e vidimate presso Ufficio Iva, Camera di Commercio o Ufficio del Registro. I possessori di Partita Iva a questo punto devono portare in detrazione l'Iva pagata sulle operazioni soggette ad imposta.

Devono poi dichiarare la differenza tra Iva da pagare sulle vendite di beni e servizi e l'Iva ricevuta in detrazione relativa agli acquisti di beni e servizi, mensilmente oppure ogni tre mesi. Ogni anno va poi presentato il Modello UNICO unificato, cioè una dichiarazione unica che include la dichiarazione dei redditi, la dichiarazione IVA e la dichiarazione (Modello 770) dei sostituti di imposta (datori di lavoro che effettuano trattenute).

Occorre sottolineare a questo punto che con il decreto attuativo della legge 30/2003 ( Legge Biagi) i prestatori d’opera devono aprire la partita Iva individuale. Insomma, fate i vostri calcoli per bene poiché per aprire una partita Iva, visti gli alti costi fiscali, ci vuole un guadagno consistente, quindi se il vostro guadagno al momento è quello di un part-time, per fare un esempio, oppure è basso e discontinuo, occorre trovare altre soluzioni, come, solo per citarne due, la collaborazione occasionale e continuativa o, il contratto a progetto.

 

http://www1.agenziaentrate.it/modulistica/altri/modelli_attivita.htm

http://www.cameradicommercio.it/

http://www.inps.it/newportal/default.aspx


Fai "Mi Piace" per seguirci su Facebook, non te ne pentirai!



Un tuo commento è molto gradito! Puoi commentare come anonimo e senza registrazione (ma in questo caso i moderatori dovranno approvare il tuo commento) oppure (consigliatissimo) accedi con "Facebook" (o anche altri account come google o twitter).

Archivio Commenti

Commenti  

 
#31 Stefano 2012-04-28 23:30
Ciao! Complimenti per l'articolo molto dettagliato. Io sono un caso un po' particolare e non so come risolvere: ho 15 anni e faccio siti web e software (sembrerà strano però è così). Ovviamente mi pagano, ma vorrei fare un sito web personale con tutto il mio portfolio e magari espandermi. Ma come posso fare? Aprire la P.IVA mi sembra un po' difficile. Grazie, spero che potiate aiutarmi.
 
 
#30 Stefania 2012-02-24 12:45
Salve, io sono un'artigiano che costruisce gioielli artigianali...d ei negozi sarebbero interessati a vendere i miei prodotti....nn penso assolutamente di guadagnare grosse cifre...magari. ..ma vorrei sapere come mettermi in regola, che devo fare? il discorso p.iva mi sembra superare di molto in tasse rispetto a quanto guadagnerò..2-3 00 euro circa.....grazi e
 
 
#29 federica 2012-02-04 09:05
PER FIORENZA #9:
Ciao Fiorenza, sono Federica,una tua collega,insegno italiano e storia. Ho iniziato una settimana fa a lavorare per una scuola privata a Roma, faccio solamente 6 ore a settimana e vengo pagata €8 l'ora ( togli poi il 20% della ritenuta d'acconto). Il coordinatore mi ha accennato ad una possibile apertura della partita iva. Puoi darmi qualche consiglio visto che tu hai maggiore esperienza? A me sembra assurdo se continuo a guadagnare così poco.
Grazie mille.
 
 
#28 ornella 2011-04-26 15:25
salve, sono un'insegnante di inglese di scuola media, vorrei aprire una partita iva agevolata perchè produco collane artigianali e vendo bene, ma vorrei avere maggior visibilità e zero grane. mi hanno detto che poichè ho già un lavoro dipendente non dovrei versare inps ma solo un 10% o 20% di iva. E' vero? Mi conviene? o rischio di avere più spese che guadagno perchè poi magari mi danneggia nel lavoro dipendente?
 
 
#27 pollon 2011-03-06 12:52
Sono laureata in Ingegneria e sono iscritta all'albo professionale, ho l'opportunità di ricevere alcuni incarichi di lavoro che però richiedono il possesso di una partita IVA. Guardando in rete ho scoperto che posso aprire una partita IVA agevolata e che devo iscrivermi ad inarcassa, ma ci sono alcune cose che non ho ben capito: Per aprire la partita iva (agevolata e non) si deve andare dal commercialista o all'agenzia dell'entrate?.. .credo che si possano seguire entrambe le strade ma al di là della differenza in termini di costi, quale è la differenza in termini di tempo??? Ovvero se vado all'agenzia delle entrate quanto tempo in più impego rispetto al Commercialista? ??. Inoltre considerato che per gli ingegneri in possesso di p.iva è obbligatoria l'iscrizione a inrcassa devo anche iscrivermi all'inps e all'inail? Oppure posso scegliere se iscrivermi all'inail e all'inps invece che a inarcassa?? Faccio questa domanda perchè nello statuto di inarcassa c'è scritto che l'iscrizione è obbligatoria per gli ingegneri che oltre ad esserre iscritti all'albo e ad essere in possesso di partita iva NON SIANO ISCRITTI A NESSUN ALTRO ENTE PREVIDENZIALE e allora io ingegnere dove mi devo iscrivere a inarcassa o a inps e inail, o a tutti e tre?

Grazie in anticipo :-)
 
 
#26 BIAGIO 2011-02-14 00:46
MI HANNO OFFERTO UN LAVORO DI ANIMAZIONE IN UN VILLAGGIO X 2 MESI MA DEVO APRIRMI UN AGENZIA X INQUADRARE ALCUNE PERSONE DA FAR LAVORARE CON ME MA QUANTO MI COSTA TUTTO CIò MI FATE CAPIRE QUALCOSA IN PIU'
 
 
#25 mary 2011-01-24 20:39
Salve, sono una musicista dilettante, al momento anche disoccupata. Ogni tanto mi capita di fare qualche serata: come posso fare per pagarmi l'enpals da sola senza rivolgermi a cooperative o ditte succhiasangue?? )(Ovviamente nn ho partita iva). Grazie
 
 
#24 Veronica 2010-12-13 10:09
Grazie Marco F., immaginavo qualcosa di simile, me l'hai confermata.Purt roppo avrei voluto capire meglio la questione dei contributi INPS e dei contributi relativi all'appartenenz a all'ordine professionale.S pero mi sia presto illuminato.Graz ie.
 
 
#23 Marco F. 2010-12-11 20:42
Salve Veronica,
come contribuente minimo potrai fatturare fino a 30.000 euro all'anno, pagherai il 20% di tasse, più ovviamente le contribuzioni INPS.
Quindi se ti pagano 1500 euro mese, 1200 saranno nette, ma dovrai poi pagarci l'INPS. Questo è ovviamente un riassunto, il consiglio è di approfondire con il tuo commercialista. Tieni presente che in questo modo non sei una dipendente ma una libera professionista a tutti gli effetti, avrai quindi bisogno di un commercialista per la dichiarazione dei redditi e tutto il resto. Come contribuente minimo non ti farai pagare e nè quindi verserai IVA.
Se appartieni ad un ordine professionale, chiedi direttamente all'ordine, poichè dipende dal tipo di professione.
Spero di esserti stato di aiuto...
 
 
#22 Veronica 2010-12-11 20:28
Salve,vorrei esporre la mia situazione/oppo rtunità lavorativa.Sono stata selezionata da una nota agenzia per il lavoro per un "progetto di 12 mesi rinnovabili".E' richiesta il possesso della partita iva in qualità di "contribuente minimo".Inoltre il compenso mensile è di 1500e+100e(rimb orso auto)+buoni pasto.Non mi rendo conto se conviene accettare o meno in relazione alle spese,nonché non capisco quale percentuale di detrazione mensile debba applicare e perchè.Inoltre sono iscritta ad un albo professionale non so se posso risparmiare o meno sui contributi e quanto.Grazie.
 
 
#21 *ale 2010-12-03 06:47
:sad: :sigh:
al lavoro mi è stato proposta l'apertura della P.I. mi dispiace ,ma ancora non ho capito :
se c'è un limite temporale per tener aperta un partita iva agevolata
se dal lavoro ti propongono la macchina , telefono come uso benefit sono benefici che devi fatturare e devi scalare dai 30.000 euro ?
se dovresti fare subagentedevi fare il corso anche se lavori da più di 3 anni in agenzia?
i contributi per la pensione rientrano oppure no nella partita iva agevolata?
supponendo che le entrate non superano 30.000 dopo pagate le tasse , commercialista , etc io con quanto rimango in tasca all'anno? è almeno pari al guadagno di un dipendente a contratto indeterminato ccon cca 1.200 euro per 14 mensilità?
che altri diritti si perdono al confronto di un lavoro dipndente ?
mi scuso , sono tante le domande ,ma ho bisogno di capire come sta la situazione e se sarebbe migliorativo rispetto a quello che è la situazione attuale
P.S non mi devo scordare che ad oggi io posso portare in detrazione gli interessi del mutuo per la prima casa , che non lo so se lo potrò fare più
grazie , e mi scuso se vi ho annoiato
 
 
#20 giuseppe 2010-11-12 11:59
Salve, esercito la professione di avvocato dal 1999, anno in cui mi sono iscritto all'Albo, di seguito, sfruttando le varie agevolazioni mi sono iscritto alla Cassa di Previdenza avvocati nel 2002. A causa di una eccessiva lievitazione anche dei contributi minimi - applicabiili per coloro che non oltrepassano una certa soglia di fatturato, nella quale sono inserito anch'io - sto valutando l'ipotesi di cancellarmi dalla cassa di apparteneza, al riguardo volevo sapere se la cancellazione dalla cassa implica la tenuta della partita d'iva, una nuova posizione previdenziale da aprire all'Inps e se sia compatibile sia con l'esercizio integrale della professione legale e la permanenza nell'albo degli avvocati. Giuseppe
 
 
#19 giada pagnetti 2010-11-03 20:32
ciao, sono un estetista però il mio diploma non m da l'abilitazione per aprirmi un centro tutto mio se non faccio almeno 4 anni di apprendistato però è difficile trovare un posto dove t mettono in regola e iniziarlo :sigh: .quindi adesso stavo pensando di aprirmi una partita iva e lavorare presso una parrucchiera che mi lascierebbe una stanza dove posso praticare la mia professione e iniziare a farmi conoscere.non lo so mi conviene?non so come fare! :-? grazie
 
 
#18 Masi 2010-09-04 14:00
Sono una casalinga e creo gioielli di bigiotteria o oreficeria per amiche, ma la mia intenzione è quella di crescere professionalmen te. Mi spiego, per dare più visibilità alle mie creazioni mi piacerebbe fare alcune mostre mercato affittando spazi espositivi o presso alberghi, vorrei poter realizzare un mio sito web poter apparire su alcuni giornali locali ecc. Avevo pensato di aprire una P. IVA. Quali consigli mi può dare a riguardo?
 
 
#17 marino 2010-06-26 02:44
ho avuto un contratto di lavoro per il marito aggiustatutto a domicilio,devo fare l'iscrizione agli artigiani e aprire una partita IVA,ho chiesto spiegazioni agli artigiani DI ALESSANDRIA e mi hanno detto che non posso fare la gestione separata,perchè è solo consulenza e non posso fare piccoli lavori manuali( a me sembra una cavolata quello che ha detto il commercialista) .HO 51 anni e sono diplomato perito elettronico con 30 anni di manutenzione alle spalle e so fare quasi di tutto nelle piccole riparazioni domestiche,non vedo perchè devo regalare piu' 3500 euro per un guadagno presunto di 20000 euro annui che non so se guadagnero'.LAV ORARE per darli allo stato è stupido,per essere in regola cosa devo fare? ANDARE a rubare che è meglio,visto che ladri ce ne sono al GOVERNO ? SE volete aiutarmi,ve ne sono grato per qualsiasi risposta in merito.
 
 
#16 marino 2010-06-26 02:43
ho avuto un contratto di lavoro per il marito aggiustatutto a domicilio,devo fare l'iscrizione agli artigiani e aprire una partita IVA,ho chiesto spiegazioni agli artigiani DI ALESSANDRIA e mi hanno detto che non posso fare la gestione separata,perchè è solo consulenza e non posso fare piccoli lavori manuali( a me sembra una cavolata quello che ha detto il commercialista) .HO 51 anni e sono diplomato perito elettronico con 30 anni di manutenzione alle spalle e so fare quasi di tutto nelle piccole riparazioni domestiche,non vedo perchè devo regalare piu' 3500 euro per un guadagno presunto di 20000 euro annui che non so se guadagnero'.LAV ORARE per darli allo stato è stupido,per essere in regola cosa devo fare? ANDARE a rubare che è meglio,visto che ladri ce ne sono al GOVERNO ? SE volete aiutarmi,ve ne sono grato per qualsiasi risposta in merito.
 
 
#15 marino 2010-06-26 02:43
ho avuto un contratto di lavoro per il marito aggiustatutto a domicilio,devo fare l'iscrizione agli artigiani e aprire una partita IVA,ho chiesto spiegazioni agli artigiani DI ALESSANDRIA e mi hanno detto che non posso fare la gestione separata,perchè è solo consulenza e non posso fare piccoli lavori manuali( a me sembra una cavolata quello che ha detto il commercialista) .HO 51 anni e sono diplomato perito elettronico con 30 anni di manutenzione alle spalle e so fare quasi di tutto nelle piccole riparazioni domestiche,non vedo perchè devo regalare piu' 3500 euro per un guadagno presunto di 20000 euro annui che non so se guadagnero'.LAV ORARE per darli allo stato è stupido,per essere in regola cosa devo fare? ANDARE a rubare che è meglio,visto che ladri ce ne sono al GOVERNO ? SE volete aiutarmi,ve ne sono grato per qualsiasi risposta in merito.
 
 
#14 antonio 2010-05-22 21:11
salve, sono un lavoratore dipendente ho un hobby il barman, che esercito nel fine settimana, vorrei sapere se posso aprire una partita iva con contributo minimo. grazie antonio
 
 
#13 Anna 2010-05-21 13:28
Salve,

avrei una domanda da porre:

se decido di aprire un sito web come libero professionista privato devo aprire necessariamente la partita iva oppure al no?
non mi è chiara la distizione.

Grazie dell'aiuto!
 
 
#12 Laura 2010-05-11 23:22
Ciao a tutti.

Complimenti per l'articolo molto interessante anche per una giovane professionista (architetto) come me che l'anno scorso ha deciso di "fare sul serio" aprendo la partita Iva.

Concordo a pieno con tutte le informazioni fornite, ma vorrei rassicurare chiunque volesse intraprendere la libera attività:

su internet si trovano diversi studi che offrono consulenza contabile e fiscale on line a prezzi molto competitivi (personalmente pago circa 500 euro annuali :D e mi trovo benissimo).
Per la stessa consulenza mi ero rivolta ad un commercialista qui a Torino che mi ha chiesto 1200 euro all'anno :o !!!

Vi linko il sito di consulenza on line al quale mi sono rivolta:

http://www.stconsulenze.it

Spero che il mio intervento vi possa essere d'aiuto.


Ciao :-)
Laura
 
 
#11 Ale 2010-04-22 13:35
Salve, spero possiate aiutarmi.

Vorrei aprire una attività come insegnante di lingue e computer con partita IVA come libero professionista.

Che iter dovrei seguire? Che codice IVA sarebbe?

Esiste la possibilità di applicare il regime dei minimi a una attività di questo tipo svolta come libero professionista (non ditta individuale)?

Grazie mille!
 
 
#10 serena 2010-04-07 13:40
salve, sono serena di roma,e ho una domanda x qlcn che sia un po piu esperto di me...
il mio ragazzo è stato scelto per un posto di lavoro dalla 3telefonia, deve fare il venditore,ma gli hanno detto che sara registrato come libero professionista, quindi deve aprire una p.iva agevolata.
ma nn avendola mai fatta, cos'è?come funziona? e soprattutto conviene?essend o ignorante in materia attendo risposta, grazie a tutti..
 
 
#9 Fiorenza 2010-03-21 20:48
Salve, sono un'insegnante di lingue e lavoro soprattutto con aziende e scuole private. L'anno scorso, dietro richiesta di un'azienda cliente, ho aperto la Partita Iva come contribuente minimo, ma mi sono accorta che i costi per il commercialista sono abbastanza alti, nonostante mi faccia io personalmente le fatture. Sarebbe possibile avere nominativi ed indirizzi di commercialisti economici a Milano?
Grazie!
 
 
#8 Pasquy 2010-03-02 01:12
Salve,sono un giovane praticante avvocato e avendo terminato il primo anno di pratica(in tutto sn 2)potrei già iniziare a difendere da solo le parti in causa,ma solo per alcune questioni giudiziali non tutte.Ho iniziato qualche piccola causa e qualche atto giudiziario da solo per conto di un mio amico senza l'assistenza dell'avvocato dove svolgo la pratica(necessi to solo della sua firma in quanto avvocato ed io non ancora).Bene,qu esto mio amico mi ha proposto di aprirmi la partitta IVA,ma io gli ho risposto che per una cosa simile dovrei guadagnare abbastanza x pagare tutte le tasse e lui mi ha assicurato che mi darà il lavoro necessario per pagare tutto quello che dovrò pagare.Mi conviene?
In attesa di una risp.invio distinti saluti e ringraziamenti
 
 
#7 Francesco da Genova 2010-02-23 12:57
Dato che non trovo lavoro come contabile, ho pensato di aprire una macelleria ma vorrei sapere se è necessario che le banche visionino le dichiarazioni dei redditi (ultimi 5 anni) del precedente titolare per definire il fido di inizio attività da darmi; ammetto che non lo voglio fare il macellaio ma se non si trova altro in Italia, o emigrare o morire!!
 
 
#6 Bianco Lavoro Staff 2010-02-20 21:15
Grazie molte a Marino per il contributo...
Il regime dei contribuenti minimi è infatti al momento molto interessante ed utilizzato specialmente da giovani che vogliono avvicinarsi al mondo dell'imprendito ria senza eccessivi investimenti e burocrazia... ;-))
 
 
#5 Marino 2010-02-20 16:24
Proprio laltro ieri ho riaperto la P.IVA, come libero professionista e contribuente minimo.
Di seguito delucidazioni per chi ne ha bisogno: Contribuenti minimi (vedi art. 1, co. 96-117 L. 244/2007) in vigore dal 1/1/2008 quale regime naturale per tutti i contribuenti in possesso dei seguenti requisiti:

* compensi conseguiti nell’anno solare precedente non superiori a 30.000;
* non aver sostenuto spese per lavoro dipendente, collaboratori o aver erogato quote di utili ad associati in partecipazione di lavoro;
* non aver acquisito nei tre anni precedenti beni strumentali anche per mezzo di locazione o leasing (attenzione il canone di affitto dello studio rientra) per un valore superiore a € 15.000;
* non essere soci di società di persone o associazioni professionali.

Occorre precisare che la verifica dei 30.000 euro per i compensi in questo particolare regime va ragguagliata ad anno solare.

Obblighi contabili: i contribuenti minimi non addebitano l’Iva sui compensi percepiti, non recuperano l’iva sugli acquisti e spese, sono esonerati da tutti gli obblighi di registrazione.

Devono solo: numerare e conservare le fatture di acquisto emettere le fatture e quindi non eseguire nessuna registrazione contabile.

Il reddito si determina con il criterio di cassa, scomputando dai ricavi anche l’acquisto dei beni strumentali.

Sul risultato, dedotto i contributi previdenziali versati, si applica un’imposta sostitutiva dell’Irpef e relative addizionali del 20%.

Si è esclusi dall’applicazio ne dell’Irap e dagli studi di settore mentre non è prevista l’esclusione delle ritenute di acconto, che quindi sono effettuate o subite con i criteri ordinari.

Regole particolari sono previste per la fuoruscita dal regime, con decorrenza per annualità successiva, nel caso di superamento delle soglie dei compensi e beni strumentali, passaggio dal regime normale a quello dei minimi cui si rimanda alla documentazione tributaria consultabile sul sito www.agenziaentrate.it documentazione tributaria.
 
 
#4 Cosimo 2010-02-20 00:13
a me sembra che in Italia aprire partite iva sia uno sport nazionale..
 
 
#3 Sofia 2010-02-19 21:31
mi è sempre venuta quando si parla di questo tema... però grazie perchè ora so anche come curarmi ;-)
 
 
#2 andromeda 2010-02-19 20:43
No,non devi diventare un delinquente! Certo, i costi sono quelli che sono e sperando che nel frattempo le cose migliorini e si alleggersiscano un pò le tasse senza però aumentare altre imposte auguro a tuo marito di guadagnare presto talmente bene da non aver più nessun problema :D
 
 
#1 Pupetta 2010-02-19 18:29
Mio marito ha appena aperto la P,Iva e ha dovuto farlo necessariamente , essendo un lavoratore autonomo.
La fregatura è che seppure all'inizio non guadagni praticamente nulla, devi pagare comunque una retta mensile al commercialista più quella di apertura dei registri contabili... è uno schifo!
Conosco persone che pur di non aprire la p.Iva si sono aperte fittizie associazioni e fanno quadrare tutti i conti con commercialisti scaltri.
Ma insomma, per non affogare in questo paese, devi diventare un delinquente?
Scusi lo sfogo!
 

You have no rights to post comments

Licenza Creative Commons

 

Bianco Lavoro utilizza licenza Creative Commons Attribuzione 2.5 Italia License.

 
VAT: 2023373429

 

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS